DIARIO DI BORDO 10/18 DICEMBRE 2018 di Licio Di Biase

on .

Lunedì’ 10 dicembreore 18Incontro Gruppo Colli del Movimento “Democratici e Popolari per l’Abruzzo”

 

Martedì 11 dicembre ore 18 – Incontro del Coordinamento Comunale di Pescara del Movimento “Democratici e Popolari per l’Abruzzo”

 

Mercoledì 12 dicembre ore 18 – Circolo Aternino -  Presentazione della seconda edizione (quarta ristampa) del romanzo storico “Il processo a Carmela”.  Con me a presentarlo nell'ambito della rassegna regionale dell'editoria ci saranno il Procuratore Pietro Mennini e Franca Minnucci

 

Giovedì 13 dicembre ore 17 – Biblioteca Panbianco di Loreto Aprutino presentazione del libro scritto da me e da Enrico Vaime “Il mio Flaiano”. Ci saremo io, Donatella Granchelli e Gianfranco Buccella.                       Ore 18.30 – Partecipazione all’Aurum al Vernissage della Mostra “Tu…sei arte” di Rosetta Clissa

 

Venerdì 14 dicembre ore 18 – Sala Consiliare del Comune di Città S. Angelo presentazione del libro scritto da me e da Enrico Vaime “Il mio Flaiano”. Ci saremo io e il Sindaco di Città S. Angelo, Gabriele Florindi.

 

Martedì 18 dicembre ore 18 – Aurum della Pineta di Pescara, presentazione del libro di Lucio D’Ubaldo e Giuseppe Fioroni “Elogio dei Liberi e Forti”. Ci saremo io, Giovanni Legnini, Francesco Crivelli e glia utori.

 

 

 Licio Di Biase

DEMOCRATICI E POPOLARI PER L’ABRUZZO - Fermare la folle fusione tra Pescara, Montesilvano e Spoltore.

on .

UNA RISPOSTA SBAGLIATA AD UN PROBLEMA REALE

 Alla luce dell’avvio del processo di fusione tra Pescara, Spoltore e Montesilvano, va ribadito che siamo di fronte ad una scelta cervellotica, frutto di un Referendum drogato. I Referendum sono espressioni di contingenze e spetta alla Politica trovare le giuste risposte e mediazioni. Sostenere “sic et simpliciter” che si applica l’esito di un Referendum è la resa della Classe politica incapace di determinare scelte nell’interesse, in questo caso, dell’intera collettività regionale. Sta accadendo addirittura in Inghilterra che la Brexit venga rimessa in discussione, anche se la scelta è scaturita da un Referendum, sicuramente molto più importante di quello di casa nostra, che è passato troppo sotto silenzio a causa delle concomitanti elezioni amministrative (in cui furono coinvolti Pescara e Montesilvano) e delle elezioni regionali ed europee, e pertanto svolto in una condizione di marginalità di interesse.

 

RIBADIAMO LE MOTIVAZIONI DELLA CONTRARIETA’ (CONTINUA)