TERRACINA una ridente città costiera che si affaccia sul mar Tirreno a metà strada tra Roma e Napoli

on .

TERRACINA una ridente città costiera che si affaccia sul mar Tirreno a metà strada tra Roma e Napoli

Una leggenda attribuisce la fondazione della città di Terracina ad un gruppo di esuli Spartani, che fuggiti dalla loro patria, approdarono sulle coste del Tirreno, dove fondarono un villaggio. L’usanza di far cenare gli ospiti sulla terra nuda avrebbe dato origine al nome della città: Terra – cena che nel tempo si è trasformato in “Terracina”. La menzione storica di Polibio, nel primo trattato romano-cartaginese, la colloca sotto l’influenza romana, dapprima centro Ausonio, alla fine del VI secolo. In seguito fu occupata dai Volsci, che le mutarono il nome da “Tarracina” in “Anxur”. Ma furono i Romani a definire tutto l’assetto sociale, economico e urbano della città. Dall'XI secolo diventò proprietà ecclesiastica e proprio a Terracina, città di confine tra lo Stato Pontificio e il regno di Napoli si svolse il conclave che portò all'elezione a Sommo Pontefice di Urbano II, promotore della prima crociata.
Luigi Perroni, nato a Terracina, a stretto contatto con il mare, tra la gente del porto, non ha mai dimenticato le sue origini. Ha iniziato a scrivere versi per gioco e poi si è inserito tra coloro che considerano il proprio linguaggio un patrimonio da tramandare e da far apprezzare in tutta la sua ricchezza. Per far rivivere parole e tradizioni che altrimenti andrebbero dimenticate, per rinnovare i valori più genuini del proprio territorio. Vincitore di importanti riconoscimenti, in questa poesia invita un amico a tornare bambino e a salire con lui su un robusto albero per vedere quello che non esiste più: un meraviglioso prato che nessuno può distruggere perché esiste solo nella sua immaginazione di fanciullo. Sull’albero il tempo si blocca come per incanto. A levante si può ammirare una montagna sovrastata da un tempio antico, verso ponente il mare azzurro e prepotente come un corsaro. Non viene più voglia di scendere. Da lassù si rimane sospesi tra cielo e mare blu. Quanti bei momenti ha trascorso su quell’albero! Meriterebbe un monumento. Si rammarica perché non ha nemmeno una foto-ricordo. Ma che importa! Ce l’ha stampato a colori nella sua anima.

 

Ce sta nu prate

Azzécca, azzécca, viétte addecrià                   

azzécca, azzécca, se vò sunnà                                                                       

azzécca, spiccete, ca ju sole sta a calà                                                           

azzécca e vide, ma nen le raccuntà.                                                    

Ce sta nu prate ca tu nen po sapé                                                                  

ne’ sta pe tèra e manche ‘ncape a mé.                                               

Te sèrve na penéta mane ju mare                                                                   

e turnà arrète de tante premavère,                                                                 

tenéssa anzomma arreturnà mammocce                                                         

e capà n'arbere jérte e bèj massicce.                                                             

Fine a sope antutte ce tiéa ‘zzeccà                                                                 

e dope l'uteme fronne ju cape pruvà a caccià,                                 

te truvarai ammiézze a na spianata vérde                                                        

e ju pajése sotte è nu rumore ca se spèrde.                                                

I tiémpe tutt'anziéme fenisce de passà                                        

e stu giujèlle nisciune ju pò sfascià.                                             

A levante ce truve na muntagna                                                                                 

co nu tempie viécchije ca l'accumpagna,                                                        

vèrze punènte po ce vide ju mare                                                                   

azzurre e preputènte accome a nu curzare,                                         

de scégne abbasce nen ce piénze più                                                                         

remane appise tra cièle e mare blu.                                                                

Ce so passate cèrte bèi muménte,                                                

ca ce tenéssa fa nu monuménte,                                                

nen ce tènghe manghe na futugrafia,                                                               

ma j porte stampate a culore dénte l'alma mia.                                     .

Azzécca, azzécca, viétte addecrià                                                                  

azzécca, azzécca, se vò sunnà                  

 

Luigi Perroni

 

CHI VOTA 5STELLE ROVINA ANCHE TE. DIGLI DI SMETTERE

on .

CHI VOTA 5STELLE ROVINA ANCHE TE.  DIGLI DI SMETTERE

Ecco i fattori che evidenziano l’incapacità della classe dirigente 5Stelle/Pd di fronteggiare i problemi del Paese. 

Un Governo :

1 - che sperpera soldi per il reddito di cittadinanza

2 - che sperpera soldi per i navigator, che non sappiamo che fine hanno fatto

3 - che sperpera soldi per sostenere i migranti, che entrano nel nostro Paese come
e quando vogliono

4 - che sperpera soldi per ampliare le aule scolastiche, per poi (giustamente) chiudere le scuole

5 - che sperpera soldi per acquistare i banchi con le rotelle, per poi (giustamente) chiudere le scuole

6 - che sperpera soldi per i bonus vacanze, per poi ampliare il contagio

7 - che sperpera soldi per i bonus monopattini

8 – che sperpera soldi per l’app Immuni, che non funziona

9 – che riconsegna il 10% del valore delle transazioni elettroniche

10 – che rigenera l’economia con la lotteria a premi

Ecco, mentre questo Governo sperpera danaro pubblico i ristoranti, i bar, i negozi CHIUDONO. Questo è un Governo che sta distruggendo il nostro Paese e deve andare via al più presto.

Un Governo che sperpera soldi in questo modo

DEVE ANDARE VIA.

CHI VOTA 5STELLE ROVINA ANCHE TE.  DIGLI DI SMETTERE

Contro l'annessione di Spoltore e Montesilvano a Pescara

on .

La nostra testata è contro l'annessione di Spoltore e Montesilvano a Pescara e siccome nessuno ha il coraggio di dire che questa è una grandissima PUTTANATA, ci pensiamo noi. Non pubblicheremo su queste pagine tutte le questioni inerenti il processo di fusione e di sospensione della Democrazia e continueremo a sottolineare la non sostenibilità di questo processo. 

Apprendiamo che il Consiglio regionale ha approvato lo slittamento della data di avvio della nuova città che dovrebbe nascere dalla folle fusione tra Pescara, Montesilvano e Spoltore”

on .

POPOLARI  PER L’ABRUZZO

 

 RIBADIAMO, COME GIA’ AMPLIAMENTE SOSTENUTO,  CHE LA FUSIONE E’ UNA  RISPOSTA SBAGLIATA  AD UN  PROBLEMA REALE

 

Il  processo di  fusione tra Pescara, Spoltore e Montesilvano, va ribadito, è una scelta cervellotica, frutto di un Referendum drogato. I Referendum sono espressioni  di contingenze e spetta alla Politica trovare le giuste risposte e mediazioni.  Sostenere “sic et simpliciter” che si applica l’esito di un Referendum è la resa della Classe politica incapace di determinare scelte nell’interesse, in questo caso, dell’intera collettività regionale. Il Referendum per la fusione è passato troppo sotto silenzio a causa delle concomitanti elezioni amministrative (in cui furono coinvolte Pescara e Montesilvano) e delle elezioni regionali ed europee, e pertanto svolto in una condizione di marginalità  di interesse.

 

RIBADIAMO LE MOTIVAZIONI DELLA CONTRARIETA’

 

1 – La fusione determinerebbe la scomparsa di due dei tre consigli comunali. Questo viene considerato come un grande obbiettivo perché così si risparmierebbero risorse col taglio delle indennità e dei gettoni per assessori e consiglieri.  Non può essere preso in considerazione questo fattore. E’ grave per un Paese che si ritiene ancora democratico.

Noi ribadiamo l’ASSOLUTA IMPORTANZA DI GARANTIRE LA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA, in quanto abolendo i Consigli Comunali non si potranno prevedere altri organismi di rappresentanza territoriale (Municipi, Consigli di Circoscrizione o di quartiere) perché non previsti nella legislazione per i Comuni da 100.000 a 250.000 abitanti. 

 

2 –Costituire oggi un Comune di 200.000 abitanti non serve ASSOLUTAMENTE a nulla. Infatti, non si rientra nel novero dei Comuni superiori ai 250.000 abitanti, per cui ci potrebbero essere dei vantaggi economici e normativi.  Questa è una risposta sbagliata a problemi reali, come ad esempio la gestione del territorio dell’Abruzzo costiero. Ma per fare questo occorre ripartire dall’Area Metropolitana Chieti-Pescara

 

3 – Altro problema che si cerca di affrontare con questa fusione  è l’armonizzazione e la razionalizzazione della gestione dei servizi. Perfetto. Questo sta già accadendo e quindi non occorre la fusione delle Amministrazioni Comunali per gestire in modo unificato i Rifiuti o costituire lo sportello unico per i Progetti Europei (come è recentemente accaduto) o armonizzare altri settori, come la Polizia Municipale, i settori tecnici, le politiche sociali,  ecc … ecc … Quindi, ben vengano i servizi gestiti in modo unificato, coinvolgendo anche altri Comuni dell’hinterland, che determinano risparmi di risorse.

4 – Proponiamo, inoltre, un Progetto Speciale territoriale, possibilità di intervento previsto nella Legge urbanistica della Regione Abruzzo. Con tale Progetto si propone di leggere e indirizzare urbanisticamente un’Area molto più vasta del perimetro dei tre Comuni. Un Progetto del Medio-Adriatico che coinvolga un’Area da Francavilla a Silvi a S. Giovanni Teatino fino a Città S. Angelo, in grado di essere elemento di attrazione di interessi e di attenzioni nella fascia costiera dell’Adriatico interagendo con l’altra Costa dell’Adriatico.

 

5 – Qualcuno continua impropriamente ad affermare che anche Pescara e Castellamare nel gennaio del 1927 divennero un unico Comune con una fusione. SBAGLIATO. I due Comuni si riunificarono dopo che nel 1806 si erano separati, ma per tanti secoli avevano costituito un’unica Entità amministrativa: l’Università di Pescara.  Gli errori non insegnano Nulla. Va ricordato che addirittura anche Spoltore nel 1928 fu annessa a Pescara, ma con l’avvento della Repubblica si decise che Spoltore dovesse tornare ad essere Comune autonomo come lo era stato per Secoli, perché l’unione non funzionava.

Per ora diciamo grazie alla Regione che sta tentando di ricentralizzare un dibattito serio su questo delicatissimo tema che, altri, troppo goffamente vogliono dare per scontato. Ma scontato non è nulla.

 

                                                                     Popolari per l’Abruzzo

                                                                             Licio Di Biase

 

Pescara, 4 GENNAIO 2021