REGIONE

Fermata in più per gli autobus diretti a Roma alla Stazione di Porta Nuova.

on .

Stamane il sopralluogo: “Si dà seguito a una mozione che istituisce la nuova fermata di partenza”

 

Sopralluogo operativo stamane con Tua del sindaco Marco Alessandrini, del vicesindaco e assessore alla Viabilità Antonio Blasioli, dei consiglieri Riccardo Padovano, Lola Gabriella Berardi e Adamo Scurti e del Mobility Manager del Comune Piergiorgio Pardi alla Stazione di Pescara di Porta Nuova, per l'istituzione di una nuova fermata dei bus diretti a Roma. L'idea nasce da una mozione dei tre consiglieri, approvata unanimemente dal Consiglio Comunale in aprile e ora in via di realizzazione da parte dell'Amministrazione.

 

“Questa mattina il sopralluogo ha riguardato la viabilità – così il vicesindaco e assessore alla Viabilità Antonio Blasioli - e segue un incontro tenutosi la scorsa settimana con Pasquale Di Nardo di Sangritana, per valutare un nuovo percorso per i mezzi sulla base della viabilità cittadina. Ora Tua ha bisogno dell'approvazione della Regione e poi inizieremo a predisporre tutto per una nuova ordinanza. La sosta dei mezzi avverrebbe proprio dinanzi al parcheggio comunale di via Misticoni, dinanzi alla stazione di Porta Nuova. L'idea è quella di favorire dentro la stazione di Portanuova la sosta di chi deve partire e la possibilità di prendere l'autobus in posizione riparata, cioè sotto il sottopasso ferroviario.

Nello stesso tempo vogliamo confrontarci con Pescara Parcheggi per prevedere delle tariffe ridotte per chi prende l'autobus e vuole lasciare l'auto nel parcheggio poco utilizzato di via Misticoni.

Non cambierebbero le partenze dalla stazione centrale, si tratta solo di prevedere l'inizio del percorso, quindici minuti prima, dalla stazione di Porta Nuova, che verrebbe quindi vissuta maggiormente e rianimata dal viavai quotidiano verso la Capitale. Questo significa anche più presenza e più controllo e un vantaggio nell'ottica cittadina degli spostamenti. Si eviterebbe di convogliare al centro persone di Porta Nuova che devono prendere l'autobus per Roma, spostandole qui, dove c'è un parcheggio coperto ed è più agevole arrivare. Le partenze che potrebbero essere quelle delle 5, 6.15, 12.30 e 19.30”.

 

“Una scelta dettata da argomenti condivisi – così i consiglieri Riccardo Padovano, Lola Gabriella Berardi e Adamo Scurti – che partono tutti dal rilancio della vocazione all’accoglienza che la città ha dimostrato di avere e allo sviluppo dei collegamenti con il resto d’Italia. Una comunione di interessi anche riguardo allo sviluppo della città in chiave turistica, tutto questo lo abbiamo tradotto nella mozione per l’istituzione di una nuova fermata degli autobus per Roma a Porta Nuova, davanti alla stazione, perché la zona pozza rivitalizzarsi. Stiamo contattando anche le realtà commerciali presenti in zona per condividere iniziative volte ad incentivare questa iniziativa che sarà realizzata al più presto, una volta avuto il benestare della Regione e predisposti tutti i passaggi tecnici necessari a renderla possibile: ordinanze per la nuova mobilità e segnaletica. Siamo convinti che questa scelta faccia bene al quartiere, alla storica stazione di Porta Nuova che un tempo ha conosciuto grossi traffici merci e di pendolari e alla città tutta che offrirà un servizio in più a chi la sceglie”.

 

Pescara, 12 settembre 2018 

STRADE PROVINCIALI DA TRASFERIRE ALL’ANAS:

on .

IL CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI APPROVA LO SCHEMA DI DPCM

Dopo il parere positivo del Ministero delle Infrastrutture e della Conferenza delle Regioni, oggi è arrivato il via libera dell’adunanza plenaria del Consiglio superiore dei lavori pubblici allo schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con cui vengono riaffidati alla competenza statale dell’Anas oltre 550 km di viabilità provinciale abruzzese. 

La riorganizzazione delle strade individuate è avvenuta attraverso tre criteri: connessione con il sistema autostradale, collegamento con le aree turistiche di rilievo nazionale (Parchi e zone montane) e il recupero di strade ex statali che hanno mantenuto questa caratteristica dal punto di vista trasportistico.

“Questa non è una giornata neutra – ha commentato il presidente Luciano D’Alfonso – perché ci stiamo avvicinando a grandi passi all’approvazione definitiva del decreto che ci consentirà di risparmiare 30 milioni di euro per la manutenzione stradale”.

 

a comunicazione arrivata dal Centro Funzionale d'Abruzzo.

on .


 Facendo seguito alla precedente informativa "Comunicazione di superamento
del livello di preallarme per il fiume Pescara" il Centro Funzionale
d'Abruzzo comunica che la lettura del livello idrometrico del fiume Pescara
nella stazione idrometrica "Pescara a Santa Teresa" (prov.CH, zona di
allerta ABRU-C) segnala il superamento della soglia di allarme ed una rapida
crescita. Essendo in corso l'Avviso di Condizioni Meteorologiche Avverse N.
17106 Prot. PRE/70545 del 13 novembre 2017 e l'Avviso di Criticit? n. 8 del
14 novembre 2017 e considerando le persistenti condizioni di maltempo, il
Centro Funzionale raccomanda di mettere in atto le azioni previste nel Piano
Comunale di Emergenza, in particolare di:
- attuare servizi di monitoraggio su aree esposte a rischio di allagamenti
e/o a fenomeni gravitativi lungo l'asta fluviale anche attraverso il
presidio territoriale e a mettere in atto le azioni previste dal Piano di
Emergenza Comunale con particolare riferimento all'informazione della
popolazione potenzialmente a rischio;
- attuare servizi di monitoraggio su aree esposte a rischio di allagamenti
e/o a fenomeni gravitativi lungo il reticolo idrografico minore anche
attraverso il presidio territoriale e a mettere in atto le azioni previste
dal Piano di Emergenza Comunale con particolare riferimento all'informazione
della popolazione potenzialmente a rischio;
- mettere in atto tutte le attivit? necessarie alla mitigazione del rischio
(ad es. controllo dei sottopassi soggetti ad allagamento, verifica della
pulizia delle caditoie);
- prestare particolare attenzione a sottopassaggi pedonali e veicolari
nonch? ad altro manufatto tendente a rapido allagamento.
Comunicazione inviata in attuazione delle disposizioni di cui alla Direttiva
del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 recante
"Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema
di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico e
idraulico ai fini di protezione civile" (Supplemento ordinario alla G.U. del
11.03.2004).



dott.Antonio Iovino
Responsabile Centro Funzionale d'Abruzzo Via Salaria Antica Est - Pile
67100 L'Aquila
tel    0862 314311
        0862 364696
fax   0862 362848
e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
sito web: http://allarmeteo.regione.abruzzo.it
La presente e-mail sostituisce il cartaceo ai sensi dell'art.47 del  D.L.gvo
n?82/2005.

 
 
 

BALDUCCI ILLUSTRA I DATI ISTAT SULL’OCCUPAZIONE NEL 2° TRIMESTRE 2017...E REPLICA A FEBBO E SOSPIRI

on .

I consiglieri regionali di Forza Italia Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri nel loro comunicato stampa sono incorsi in un errore: i dati pubblicati oggi dall’Istat sono relativi all’andamento dell’occupazione in Abruzzo nel secondo trimestre, e non nel primo come essi erroneamente scrivono. Tali dati sono positivi e premiano il lavoro della Giunta regionale:

 

  • Gli occupati sono 485mila con un aumento di 21mila rispetto al I trimestre 2017, in cui si era registrata una flessione dovuta agli eccezionali eventi atmosferici combinati con quelli sismici, e di 3mila occupati rispetto al IV trimestre 2016, in cui il totale degli occupati era stato di 482mila.
  • Complessivamente, la Giunta D’Alfonso ha preso in mano il governo dell’Abruzzo con gli occupati a quota 474 mila. Oggi siamo a 485mila (+11mila). Siamo tornati ai livelli pre-crisi, che in Abruzzo si è sommata al sisma aquilano, e siamo in grado oggi di fare un ulteriore salto in avanti.
  • Sempre confrontando I e II trimestre 2017, i disoccupati sono scesi da 74mila a 64mila, il tasso di disoccupazione è sceso dal 13,7% all’11,6%, nonostante siano diminuiti nettamente gli inattivi, passati da 316 mila a 307mila, che è il segno più evidente di un’economia che torna a crescere e in cui anche le persone che avevano smesso di cercare lavoro hanno ritrovato fiducia e hanno trovato sbocco alla loro aspettativa.

 

Questi dati si aggiungono alle tendenze positive già registrate nel 2016, che hanno visto aumentare del 2,7% l’occupazione femminile e diminuire la disoccupazione giovanile dal 48,1% al 38,8% (-9,3%!).

 

       A distanza di 3 anni, oltre il 60% dei lavoratori abruzzesi che hanno perso l’impiego nella prima  fase della crisi ha trovato una nuova occupazione dipendente (Rapporto Banca d’Italia sull’economia abruzzese 2017).

 

 Sono dati incoraggianti, frutto delle scelte compiute a livello nazionale e regionale da chi oggi ha la responsabilità del governo. Per quanto ci riguarda, sono il frutto delle politiche attive e di sostegno che la Giunta regionale ha messo in campo a favore delle imprese e dei soggetti deboli del mercato del lavoro. Siamo consapevoli che c’è molta strada da fare, e per questo vogliamo lanciare un piano straordinario per le politiche attive, in chiave anti-crisi che potrà contare su risorse per 32 milioni di euro,aggiuntive rispetto a quelle del POR FSE Abruzzo, in quanto derivanti dal comma 6 bis del Decreto legislativo 148/2015, ma perfettamente integrate dal punto di vista strategico, che avrà alcune linee di intervento importanti quali:

 

  1. il potenziamento dell’assegno di ricollocazione che ha già coinvolto 1.400 disoccupati e che potrà contare su 13 milioni di risorse aggiuntive rispetto ai finanziamenti nazionali;

  2. i tirocinii formativi, quale strumento di inserimento e avviamento dei giovani nel mondo del lavoro;

  3. i percorsi di orientamento e formazione;

  4. il rifinanziamento della misura Garanzia Over Abruzzo, sia in termini di incentivi per l’assunzione che in termini di accompagnamento al lavoro erogato da Agenzie private per il Lavoro e Centri per l’Impiego.

 

Sono certo che tali politiche, insieme con il rilancio degli investimenti collegati al Masterplan che è in fase di attuazione e di trasformazione in cantieri operosi, avranno un impatto positivo per il futuro della nostra regione, soprattutto se unito ad una più attenta lettura in futuro dei dati economici da parte dell’opposizione.

 

 

Alberto Balducci, Vice Capogruppo PD alla Regione