La Cultura della sicurezza, evento il 14 aprile prossimo all’Aurum.

on .

Di Iacovo: “Una full immersion in tutte le dimensioni della sicurezza, dal lavoro alla vita privata”

 

La sicurezza come cultura, da quella sul lavoro, a scuola a quella nelle mura domestiche, un tema ad ampissimo raggio che verrà affrontato dall'evento “La Cultura della Sicurezza” che si svolgerà all’Aurum sabato 14 aprile prossimo, dalle ore 18. Oggi la presentazione con l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo e Monica Del Toro della Mdt Solutions che promuove l’iniziativa, che vedrà coinvolte le scuole primarie e secondarie della città e gli adulti in qualità sia di genitori che di cittadini.

 

“Questa iniziativa ha un elevato valore culturale – così l’assessore Giovanni Di Iacovo – Perché la sicurezza non è solo sui luoghi di lavoro, ma ci accompagna da casa, a scuola, nell’ambiente, persino nei luoghi che scegliamo per il tempo libero. Da qui il concetto di “cultura” della sicurezza che abbiamo sostenuto e sposato con questo evento. L’auspicio è di vedere il progetto crescere e svilupparsi il più possibile, soprattutto nelle nostre scuole, in modo che i ragazzi siano i primi promotori delle varie declinazioni della sicurezza, per questo invitiamo tutti a prendervi parte”.

 

“Obiettivo del progetto che presenteremo sabato è fornire strumenti conoscitivi utili a far nascere, soprattutto nei ragazzi, la cultura della sicurezza intesa non come obbligo normativo ma come strumento atto a tutelare la propria vita, tutela vista da più punti di vista – così Monica Del Toro - La convinzione che è alla base del progetto è che “se imparassimo a pensare in modo sicuro, non ci sarebbe la necessità di creare leggi che ci dicano come lavorare sicuri, come guidare sicuri, come giocare sicuri. Il progetto è costituito da 2 macro blocchi. Il primo è rivolto a tutti i ragazzi in età scolare. Il secondo è rivolto agli adulti nel loro ruolo di genitori, cittadini e condomini. Il progetto nelle sue fasi prevede il coinvolgimento di diverse figure professionali quali: esperti in qualità e sicurezza sia del lavoro che ambientale, psicologi, avvocati, Polizia postale, biologi, chimici, Vigili del fuoco, Protezione civile e Pubblica assistenza. Inoltre in collaborazione con il corpo docenti, i relatori potranno creare dei laboratori, si potranno realizzare anche lavori di gruppo e promuovere premi e borse di studio, in partnership con le aziende del territorio che vorranno farne parte.

PER I RAGAZZI prevede la fondamentale collaborazione con le scuole quindi con i dirigenti e gli insegnanti, creando dei momenti informativi e formativi in cui trattare argomenti quali:

-        La sicurezza nel gioco: l’obiettivo è dare ai ragazzi le nozioni giuste per riconoscere i giochi certificati, capire quali sono i criteri per capire se un gioco è “sano o no” per se stesso, presentare i loro dispositivi di protezione individuale quando vanno in bici, con i pattini, in macchina con i genitori.

-        La sicurezza nel cibo: come riconoscere il cibo sano da quello spazzatura, insegnare ai ragazzi a leggere le etichette per poter dar loro la possibilità di riconoscere gli allergeni ma ancor più poter capire se un cibo è ricco di sostanze dannose per il corpo.

-        La sicurezza informatica: dare ai ragazzi la capacità di saper capire se un sito è sicuro, far capire loro le pericolosità che lo strumento internet, se non usato con cautela e accortezza, può celare.

-        La sicurezza nel divertimento: far capire ai nostri ragazzi che ci sono atteggiamenti che possono portare a conseguenze pericolose che potrebbero avere ripercussioni per tutta la vita (guidare in stato ebrezza, il pericolo delle droghe, le conseguenze penali che comportamenti agiti con leggerezza e inconsapevolezza posso portare).

-        La sicurezza come lavoro: creare degli incontri con quei professionisti che tutti i giorni lottano per garantire a tutti un Paese più sicuro (Vigili del Fuoco, Medici, Poliziotti, Carabinieri, Finanzieri…)

PER GLI ADULTI sono invece previsti incontri in cui si potranno trattare argomenti quali:

-        La sicurezza in casa: come scegliere gli elettrodomestici giusti, dare indicazioni sul “fai da te” sicuro, dare indicazione anche agli adulti sulla sicurezza alimentare, dare indicazioni alle casalinghe su come svolgere i lavori di casa gettando un occhio alla sicurezza (ogni anno si verificano in Italia ben 2.700.000 di cui 8.500 mortali)

-        La sicurezza in caso di calamità naturale. Lo scopo è quello di creare dei momenti di incontro per spiegare come comportarsi in caso di terremoto e altre calamità naturali.

-        La sicurezza in condominio: cosa deve avere un condominio e cosa devono chiedere i condomini al proprio amministratore per avere la certezza che il loro condominio sia un “condominio sicuro”. Inoltre cosa fare in caso di incendio e altre situazioni di emergenza, si potrebbero dare indicazioni su come utilizzare gli estintori e su come chiamare efficientemente i soccorsi”.

 

Pescara, 12 aprile 2018