Malori fra i bambini, il sindaco sospende il servizio mensa:

on .

“Finché non avremo i risultati delle analisi e si concluderanno anche i controlli sul cibo è opportuno evitare che i bambini assumano pasti”

 

In attesa di conoscere i risultati delle analisi circa le cause dei malori che nei giorni scorsi hanno colpito bambini appartenenti a diverse zone del territorio cittadino, a titolo precauzionale il sindaco Marco Alessandrini sta disponendo un’ordinanza che stabilisce la sospensione del servizio mensa a partire già dalla giornata di domani, lunedì 4 giugno, finché non verrà fatta chiarezza sul fattore scatenante delle infezioni trattate in ospedale.

 

“Come detto, si tratta di una precauzione, che adottiamo a tutela dei bambini, in attesa degli accertamenti della Asl anche sui campioni di cibo somministrato nei giorni scorsi nelle mense scolastiche comunali – così il sindaco Marco Alessandrinie l’assessore all’Istruzione e Mense Giacomo Cuzzi- Mensa sospesa, dunque da domani, lunedì 4 giugno.

Per le classi delle scuole elementari e mediee di conseguenza anche il tempo pieno non si farà. 

Per le scuole dell'infanzia maternestiamo lavorando affinché l’attività didattica possa continuare per quanti vorranno ricondurre i bambini a scuola, ma solo dopo aver fatto consumare loro il pasto a casa.

Per i nidi d’infanziasi potrà scegliere fra quest’ultima possibilità o la scelta del tempo ridotto fino alle 12,00 o 12.30.

Ovviamente adotteremo formule compensative per le rette sul tempo pieno, che verrà ripristinato una volta accertato che il cibo non ha determinato la situazione che si è creata.

Siamo sicuri che questa scelta provocherà dei disagi organizzativi alle famiglie, alle quali chiediamo collaborazione e confermiamo vicinanza e tutela, ma riteniamo che la salute dei bambini sia la priorità, come prioritario è fornire un servizio di qualità, per questo abbiamo attivato sul cibo somministrato dal gestore del servizio la rigorosa filiera dei controlli pervista dall’appalto e in piena sinergia con Nas e Asl che stanno provvedendo agli accertamenti”. 

 

Pescara, 3 giugno 2018