Giovedì al Petruzzi la fusione fra Attiva, Ambiente e Linda

on .

.... diventa evento con Oltre i rifiuti, il workshop nazionale per preparare la nuova stagione del settore 

 

Si svolgerà giovedì14 giugno dalle ore 9,30 in poi all’Auditorium Petruzzi l’evento “Oltre i rifiuti, insieme per fare, workshop nazionale tutto dedicato al progetto di fusione delle tre società pubbliche operanti nella gestione dei rifiuti sul territorio pescarese (la consortile Ambiente SpA e le municipali del capoluogo e di Città Sant’Angelo, Attiva SpA e Linda SpA). Stamane la conferenza di presentazione con il sindaco Marco AlessandriniPaola Marchegiani, assessora all'Igiene urbana del Comune di Pescara; Gabriele Florindi, sindaco di Città Sant'Angelo, il primo Comune ad aver approvato il processo di fusione delle società; Massimo Papa, amministratore unico di Attiva SpA, Sandro Di Scerni, gruppo lavoro Attiva-Ambiente-Linda, la consigliera Maria Ida D’Antonio

 

 

“Il progetto di unificazione delle tre società nasce insieme alla volontà di raggiungere un obiettivo sempre indicato nella pianificazione e nella programmazione pubbliche, ma ancora inattuato pur se considerato necessario per il buon funzionamento della più estesa area urbana abruzzese – così il sindaco Marco Alessandrinie l’assessora Paola Marchegiani– l’intento è realizzare la fabbrica per trasformare i rifiuti organici in materia ed energia naturale ed attivare gli impianti di Alanno e di Loreto Aprutino per preparare al riciclaggio i materiali da imballaggi. Pescara sta per approvare in Consiglio Comunale la delibera sulla fusione, come ha già fatto Città Sant’Angelo, siamo pronti e determinati a partire, perché con il raggiungimento di tale obiettivo si potrà offrire all’ambito abruzzese più densamente abitato (e con un’ineguagliata concentrazione di attività produttive, commerciali e turistiche) le infrastrutture finalmente utili alla migliore gestione dei rifiuti e, dunque, alla qualità ambientale dell’area. Dopo un percorso compiuto con i 41 Comuni soci di Ambiente SpA (tra i quali Pescara e Città Sant’Angelo) e in vista della conclusione dei passaggi sulla fusione delle tre Società nei Consigli comunali, il workshop "Oltre i rifiuti" viene proposto per condividere le strategie e le scelte con i diversi portatori di interesse presenti sul territorio”.

 

“Mai avrei creduto che a giugno si potesse arrivare a una soluzione così concreta e operativa – afferma il sindaco di Città Sant’Angelo Gabriele Florindi– Voglio fare un ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato alacremente: si è fatto un positivo lavoro di squadra, dai vertici alla base e si è arrivati a questo risultato. Un altro aspetto da rimarcare è che il manuale Cencelli è stato messo da parte, perché il Comune di Pescara, con i volumi di Attiva, poteva fagocitare tutto, invece, proprio per il bene della società e di quello che la società andrà a svolgere a livello provinciale si è cercato di far ragionare prima la politica e poi i tecnici, facendo prevalere il buon senso. Una passeggiata non è stata, è un percorso iniziato un anno fa che ha dovuto trovare la condivisione in Ambiente, dove siedono 41 sindaci e la Comunità Montana. Ambiente è stato un elemento catalizzatore, capace di far ragionare tutti i sindaci su un argomento che rappresenta per tutti la peggiore emergenza, così è stato per noi che abbiamo più volte scongiurato, proprio grazie alla presenza di Ambiente, crisi del settore. L’evento di giovedì è importante, un’iniziativa fondamentale, perché si parla molto di ambiente, di differenziata, visto che il futuro sarà quello, ma se alla base di tutto non c’è un’impiantistica pubblica come quella che stiamo facendo e faremo, sono tutte chiacchiere. Con questa base e il lavoro dei tecnici che sanno come relazionarsi alla realtà e con il territorio, faremo di certo un lavoro eccellente per la tutela dell’ambiente e delle tasche dei cittadini, in modo da far divenire il rifiuto una risorsa”.

 

“L’iniziativa del 14 nasce come suggello della prima fase. Il Consiglio di Pescara è a buon punto, bene avviato a conclusione – così l’Amministratore Unico di Attiva Massimo Papa– Questa iniziativa vuole essere un momento di riflessione su processo e progetto che stiamo facendo. Il rifiuto deve diventare una risorsa, si può produrre energia e trasformarlo in una fonte di ricchezza. L’iniziativa ha una parte monotematica che si indirizzerà in modo efficace sulle modalità di trattamento e smaltimento della frazione umida perché stiamo puntando sulla piattaforma di Alanno.

Noi abbiamo voluto che fosse Ambiente a incorporare le altre due società per dare un segnale di assoluta attenzione al progetto, piuttosto che alle quote. Qui ha senso il progetto, che è quello di creare un soggetto capace di creare un’impiantistica adeguata al territorio. Ambiente incorpora Attiva e Linda anche se in termini di patrimonio e uomini la Spa vale di più. Sicuramente abbiamo lavorato su alcuni punti fondamentali, uno fra questi è lo Statuto, la governance della nuova società è un Cda a 5 con un presidente, abbiamo stabilito che in relazione dell’importanza dei conferimenti il presidente più un membro sarà espresso da Pescara, il vice e un componente da Città Sant’Angelo e due componenti dai Comuni di Ambiente. Questo il nuovo assetto che proponiamo, accettato già dal Comune di Città Sant’Angelo e confidiamo che lo sia presto anche da Pescara, passerà anche gli altri 39 Consigli Comunali. Gli amministratori delle tre società saranno coinvolti per poter dare apporto e supporto alla nuova governance, per assicurare la continuità nei rispettivi territori. Ambiente incorpora le due società e le fonde e ora troveremo anche un nome nuovo che rispecchi tutti. Entro settembre confidiamo di arrivare al completamento della fusione, perché a circa otto mesi si possano mettere in funzione e installare gli impianti che oggi non ci sono, a partire da quelli di Alanno e Loreto e dalla piattaforma di Città Sant’Angelo, l’eco-centro che si allargherà a tutto il territorio per la raccolta dei rifiuti. Tutto questo rappresenta di certo un buon inizio”. 

 

“Tavolo di livello internazionale – dice Sandro Di Scerni– quello di  Oltre i rifiuti, insieme per fare”, il workshop nazionale tutto dedicato al progetto di fusione delle tre società pubbliche operanti nella gestione dei rifiuti sul territorio pescarese (la consortile Ambiente SpA e le municipali del capoluogo e di Città Sant’Angelo, Attiva SpA e Linda SpA), che si terrà giovedì 14 giugno all’Auditorium Petruzzi.  Al workshop, relazioneranno: Massimo Centemero e Alberto Confalonieri, rispettivamente direttore e coordinatore del comitato tecnico del Consorzio Italiano Compostatori CIC, fra i più profondi conoscitori dell’argomento nel settore; Walter Facciotto, direttore generale del Consorzio Nazionale Imballaggi CONAI; Stefano Ciafani, nuovo presidente nazionale di Legambiente; Enzo Favoino, coordinatore scientifico di Zero Waste Europe e nome autorevole nel progetto di riduzione internazionale dei rifiuti, rifiuti zero. Centemero e Favoino hanno definito le regole della buona raccolta differenziata divenute punto di riferimento in Italia e punto di riferimento internazionale tant’è che New York ha chiamato proprio loro per fare un esperimento di raccolta differenziata su un quartiere con case alte. Sarà un momento interessante che darà termini di paragone per capire punti di forza e di debolezza”.

 

La stampa è invitata a partecipare.

 

Pescara,  12 giugno 2018