Via libera dell’Esecutivo al Piano attuativo della Prorec per l’area posta tra via Strada Vecchia della Madonna e via Monte di Campli.

on .

Scotolati e Blasioli: “Intervento a costo zero per l’Ente, che assicurerà l’attesa sistemazione della rotatoria in uno degli incroci più pericolosi della città, un parco e misure per le utenze deboli”

 

Sì della Giunta all’adozione del Piano attuativo presentato dalla Prorec srl. Si tratta di interventi che riguardano una sottozona B 10 posta tra via Strada Vecchia della Madonna e via Monte di Campli, disciplinata dall’art. 40 delle Norme Tecniche di attuazione del piano regolatore. Le urbanizzazioni previste sono: ampliamento e adeguamento della viabilità carrabile, compresa la rotatoria, il parcheggio pubblico, verde pubblico, sottoservizi (fogne, acquedotto e cavidotti), la segnaletica stradale e la pubblica illuminazione. La Prorec srl ha presentato un piano di Lottizzazione che rispetta in tutto e per tutto quanto previsto dal Piano regolatore, tanto che per l’adozione è stata sufficiente la Giunta. Nessuna variante quindi rispetto a quanto consentito dal piano e, anzi, superfici minori rispetto a quanto assentito oltre a tanti vantaggi per la città, che per la viabilità in quella zona aspetta da tempo una sistemazione.

Il piano adottato andrà pubblicato per tre mesi e poi approvato con le eventuali osservazioni nuovamente dall’esecutivo, per dare inizio ai lavori, che a questo punto potrebbero essere avviati per marzo proprio dalla tanto attesa rotatoria all’incrocio tra via Monte di Campli e Strada Vecchia della Madonna.

Importanti i vantaggi per la collettività, perché  il 50% dell’area, pari a 2.929 mq. sarà pubblica e sarà così ripartita: destinati alla viabilità 294 mq., a parco pubblico 981 mq., a parcheggi e proprio all’incrocio tra le due strade per 1654 mq. Gli interventi saranno a pieno carico della ditta, che, come stabilito, procederà prima di tutto alla realizzazione della rotatoria tra via Monte di Campli e Strada Vecchia della Madonna, uno degli incroci più pericolosi di Pescara. Insieme a questa opera è prevista la cessione di tutta l’area del marciapiede che costeggia via Strada Vecchia della Madonna, anch’essa  privata e non ricompresa nel computo delle cessioni. Verrà inoltre riqualificata e ripristinata la fermata dei mezzi pubblici, sempre da parte del proponente. Il previsto edificio commerciale per la media distribuzione, diviso in due attività di 300 e 700 mq. forse diretti alla vendita di generi non alimentari, verrà realizzato nel restante 50% dell’intervento privato ed è inferiore al limite del 40% della superficie fondiaria, per cui rispetta ampiamente i limiti assentibili alla edificazione commerciale.

 

"L'assetto urbanistico del Piano di Lottizzazione, definito in aderenza alle indicazioni tecniche e funzionali prescritte dagli uffici tecnici, prefigura una sistemazione dell'area coerente con il contesto e migliorativa della qualità della vita per i residenti - così l’assessore a Urbanistica e Governo del Territorio Loredana Scotolati- Le opere pubbliche che non peseranno sul Comune impreziosiscono questo intervento”.

 

“E’ un intervento importante per la viabilità della zona – così il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Antonio Blasioli– perché ci permette di realizzare quella rotatoria in un incrocio spessissimo teatro di sinistri stradali e perché ci permette di realizzarla gratuitamente e su parte dei terreni ceduti, consentendo l’allargamento del diametro della stessa, rendendola capace di sopportare la mole di traffico che impegna quell’incrocio e dandoci la possibilità di destinare ad altri interventi le risorse che avremmo dovuto impiegare. E’ un lavoro utile anche per chi a piedi va al mercato o alla Basilica della Madonna dei Sette Dolori, grazie al percorso pedonale e ciclabile nel verde che è previsto e a cui hanno lavorato bene i tecnici dei Lavori pubblici e dell’Urbanistica, un camminamento nel verde posto tra il parcheggio a servizio dell’edificio commerciale e il parcheggio a servizio della collettività. E’importante, poi, la realizzazione del parcheggio pubblico, che sarà un parcheggio utilizzabile anche per chi accompagna i figli alla scuola Gescal di via Valle San Mauro. Saranno 46 posti auto importanti per venire incontro alla fame di parcheggi della zona Gescal e sono diversi dal parcheggio interno alla struttura commerciale. Nell’area della sosta si entrerà da via Monte di Campli e si uscirà su Strada Vecchia della Madonna. Il senso unico all’interno dell’area è fatto per non appesantire ulteriormente via Monte di Campli. La rotatoria in betonella aiuterà, come detto, la circolazione nell’area dell’incrocio ma anche a rallentare le auto che spesso ad alta velocità percorrono via Monte di Campli. In ultimo il parco pubblico, che sarà realizzato dal proponente, tra via Monte di Campli e via Piana di Voltigno, consentirà all’insediamento popolare di quest’ultima via di avere un’area verde e al contempo un collegamento pedonale con via Monte di Campli, che faciliterà anche gli spostamenti a piedi. Voglio ringraziare l’assessore Scotolati e i tecnici del settore Urbanistica e Lavori pubblici per aver ridotto al minimo l’edificato, privilegiando i passaggi per i pedoni e ciclisti e per la salvaguardia della cosiddetta utenza debole”.Pescara,  7 ottobre 2018