Via libera alla modifica del Regolamento di Polizia Municipale

on .

“Daspo urbano” e sanzioni a tutela del decoro e per la sicurezza       

Approvato in Commissione Sicurezza e Mobilità il testo della delibera che introduce la modifica del Regolamento di Polizia municipale ai fini della corretta applicazione, sotto il profilo giuridico e amministrativo, del cosiddetto “Daspo Urbano” misura introdotta per la prima volta nel 2017 dal governo centrale e i cui ambiti di applicazione sono stati ulteriormente sviluppati e definiti in primis nel successivo  “Decreto Immigrazione e Sicurezza” e, quindi, con le modifiche introdotte dalla legge 173/2000 che ha adeguato la norma ai cambiamenti determinati dall’emergenza sanitaria in atto.

Il “Daspo urbano”, in termini simili ma non coincidenti con l’analoga fattispecie che riguarda le manifestazioni sportive, prevede che i sindaci  - in collaborazione con i prefetti – possano sanzionare e stabilire il divieto di accesso ad alcune zone del territorio comunale interessato per quegli individui che assumano condotte che di fatto limitino l’accesso a infrastrutture di trasporto e di pubblico interesse (strade, ferrovie e aeroporto, siti culturali e turistici) o offendano con il loro comportamento il pubblico decoro.

Nel caso della città di Pescara, e di questo si è discusso questa mattina durante i lavori della commissione presieduta da Armando Foschi, verrà portato al vaglio del Consiglio Comunale un provvedimento nel quale è stato oltretutto recepito quando indicato dalla legge 48/2017 che assegna appunto alle amministrazioni locali - in ossequio al principio di prossimità - il compito di individuare quelle aree (ove insistano presidi sanitari, scuole, siti di interesse culturale e storico, o comunque caratterizzati da flussi turistici) che necessitino in particolare di tutela e di salvaguardia dei livelli di sicurezza); allegato al provvedimento, che giungerà all’attenzione dell’assemblea civica, vi è già infatti un elenco di vie e piazze.

Il Regolamento di Polizia Municipale sarà quindi integrato e modificato con l’introduzione dell’art. 7-bis, recante appunto l’allegato con l’individuazione di quelle aree dove gli agenti potranno applicare - come scritto - quanto disposto dalla legge 48/2017 all’art. 9, cioè misure sanzionatorie nonché il provvedimento “dell’allontanamento”.

<Una delibera, questa, che, una volta approvata in Consiglio Comunale, permetterà evidentemente di applicare quanto consentito dalle norme nazionali nell’interesse della città di Pescara, in una fase complessa che deve vederci molto vigili e non solo per via dell’emergenza sanitaria - ha commentato il sindaco Carlo Masci -  Gli operatori di Polizia Municipale coordinati dal comandante Danilo Palestini avranno dallo loro gli strumenti necessari affinché, questo è il mio auspicio, decoro e  sicurezza della città di Pescara segnino un deciso salto di qualità>.

 

Pescara, 15 febbraio 2021