PIAZZA ITALIA

Il Sindaco Carlo Masci definisce la nuova Giunta, dopo l'elezione di Marcello Antonelli a Presidente del Consiglio

on .

 

Nominativo

Qualifica

Deleghe

GIOVANNI SANTILLI

Vice Sindaco e Assessore 

Pubblica Istruzione - Edilizia Scolastica -  Mense Scolastiche - Parchi e Verde Pubblico - Rapporti con il Consiglio Comunale - Politiche Energetiche -  Rapporti con Pescara Energia S.p.A. 

LUIGI ALBORE MASCIA

Assessore

LL.PP. - Mobilità, Viabilità e Trasporti - Piano Regolatore Portuale - Grandi Infrastrutture - Gestione Bando per la Riqualificazione delle Periferie - Rapporti con Pescara Multiservice S.p.A. - Semplificazione Amministrativa - Forum Città dell'Adriatico e dello Ionio

ALFREDO CREMONESE

Assessore

Attività produttive -Turismo - Eventi e Manifestazioni - Artigianato- Industria - Pesca- Commercio- Esercizi Pubblici- Mercati-  Occupazione suolo pubblico- Sportello Unico Attività Produttive-  Centro Commerciale Naturale - Ufficio Relazioni con il Pubblico - Piano Carburanti

ISABELLA

DEL TRECCO

Assessore

Urbanistica - Edilizia Privata - Politiche Ambientali - Gestione Rifiuti - Rapporti con Ambiente S.p.A. - Edilizia Residenziale Pubblica, Politiche Abitative e Housing Sociale

NICOLETTA EUGENIA DI NISIO

Assessore

Pari opportunità -  Politiche per la Disabilità - Ascolto del Disagio Sociale - Associazionismo Sociale -  Mare e Fiume - Politiche Età d'Oro – Tutela del Mondo Animale

PATRIZIA MARTELLI

Assessore

Sport - Associazionismo Sportivo - Eventi Sportivi e Impiantistica Sportiva - Politiche Giovanili - Servizi Demografici ed Elettorali - Patrimonio

MARIARITA

PAONI SACCONE

Assessore

Cultura e Beni Culturali - Associazionismo Culturale- Demanio - Cimiteri – Salute - Politiche per la Famiglia - Asili Nido – Erasmus

EUGENIO SECCIA

Assessore

Bilancio e Finanze - Protezione Civile - Bonifica Siti Inquinati - Rapporti con Adriatica Risorse S.p.A. - Rapporti con le Libere Professioni - Innovazione Tecnologica e Digitale 

ADELCHI SULPIZIO

Assessore

Sicurezza Urbana e Sistemi di Videosorveglianza - Manutenzioni -Politiche Sociali e Recupero Aree Degradate 

 Si precisa che saranno direttamente trattate dal Sindaco, oltre le materie non espressamente attribuite ai vari Assessori e al Vicesindaco, le iniziative riferite alle seguenti materie:

-     Personale - Polizia Urbana - Nuova Pescara - Area di Risulta - Aree ex Cofa - Naiadi- Contenzioso- Rapporti con l’Università - Rapporti con il Comitato ristretto dei Sindaci e con la Asl - Rapporti Stato-Regione - Relazioni internazionali - Unione Europea - Autorità di Pubblica sicurezza, Enti ed Area Metropolitana- Immagine e comunicazione istituzionale - Tematiche inerenti la promozione e lo sviluppo dei quartieri;

Si precisa altresì che per gli argomenti di natura complessa valgono i principi della competenza prevalente e del concerto tra le deleghe affini.

Il Governatore Marsilio e il presidente Sospiri con il sindaco Masci hanno effettuato un sopralluogo nei quartieri periferici di Pescara

on .

Una serie di interventi mirati di ambito sociale e urbanistico per riportare le zone periferiche più degradate di Pescara a un livello di integrazione e di vivibilità accettabili. L’emergenza in alcuni quartieri ritenuti “sensibili” per gravi fatti di criminalità anche recenti e per crescenti fenomeni di disgregazione sociale è stata al
centro del sopralluogo con il presidente della Regione Marco Marsilio che, accompagnato dal sindaco di Pescara Carlo Masci, dal presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri e da un nutrito gruppo di amministratori pubblici comunali, ha tenuto nel pomeriggio nelle aree decentrate del capoluogo ritenute a maggior rischio sotto più aspetti, a cominciare dal quartiere Rancitelli (tappa al cosiddetto “Ferro di Cavallo”) e poi a Fontanelle, Via Rigopiano (case ex Ina) e infine
al quartiere Zanni. Un’iniziativa che ha fatto seguito alla recente lettera che il sindaco Masci aveva indirizzato il 2 gennaio u.s. a Marsilio e Sospiri e nella quale il primo cittadino ha chiesto un  intervento finanziario della Regione per procedere all’abbattimento dell’agglomerato cosiddetto “Ferro di cavallo” in via Tavo; missiva
alla quale il Governatore Marsilio e il presidente Sospiri hanno aderito con la visita odierna, anche per dare un seguito di indirizzo politico dopo la recente legge regionale che ha stanziato le somme per gli sfratti degli occupanti abusivi degli alloggi popolari comunali e dell’Ater. L’impegno nell’affrontare la questione della riqualificazione delle periferie  urbanistiche, sociali o economiche  trova quindi un
nuovo impulso nel non limitarsi ad un loro recupero fisico o al risanamento ambientale,  volendo quindi mirare anche a obiettivi di più complessiva forza rigenerativa dei tessuti sociali e spaziali, ma anche 
produttivi, per una visione che vada contro la prospettiva di una città che si contrae su se stessa e si degrada anche
sotto l’aspetto edilizio. <Possiamo e dobbiamo mettere in campo azioni possibili, cioè realizzabili e piene di buon senso  – ha detto il governatore Marsilio incontrando l’associazione “Per una nuova Rancitelli” al “Ferro di Cavallo” in via Tavo  – Credo che
azzerare situazioni come quella che oggi abbiamo qui in questo quartiere e in questo edificio in particolare sia possibile, ma è ovvio che
vanno evitati quegli errori che sono stati commessi in passato e che oggi ci costringono ad affrontare situazioni complesse>. Il sindaco Masci ha posto invece l’accento su ciò che è stato già fatto in
pochi mesi di amministrazione, in particolare lo sgombero di 22 alloggi occupati abusivamente e il bando per l’assegnazione di nuovi alloggi popolari che impone regole stringenti e che offre maggiori garanzia di legalità. <Abbiamo detto con chiarezza ai pescaresi che abitano le zone più difficili della città cosa possono attendersi da noi e credo che abbiamo portato da subito la nostra attenzione su queste questioni> ha detto Masci. <La gente  – ha proseguito  – sta apprezzando il
nostro lavoro e i segnali che in pochissimi mesi di governo della città abbiamo
iniziato a dare. A questo si aggiunge una serie di azioni che porremmo in essere, con l’aiuto della Regione, nei prossimi mesi>.
L’amministrazione comunale di Pescara ha stilato un programma di obiettivi:
- Abbattimento in tutto o di parte dell’agglomerato 
definito “Ferro di Cavallo”
al quartiere Rancitelli;
- Abbattimento degli immobili che presentano lesioni post sisma ed evacuati in via lago di Borgiano;
- Abbattimento dei palazzi Clerico in via Tavo per lasciare spazio ad attività di social housing;
- Realizzazione, a seguito delle firma delle necessarie convenzioni con le associazioni che hanno aderito al Progetto Periferie, di iniziative sociali nei quartieri popolari;
- Completamento degli interventi edilizi al quartiere Fontanelle;
- Abbattimento di due palazzine su cinque al quartiere popolare di via
Rigopiano (ex Ina)
 
L’Ufficio stampa
Pescara, 9 gennaio 2020

FONTE BOREA - Una città civile non compie simili scempi.

on .

Verso la fine della scorsa consiliatura, durante i lavori del Comune di Pescara per il rifacimento di strada del Palazzo e di alcune strade limitrofe, su indicazione dei sottoscritti, vennero condotti i lavori con grande attenzione per individuare la Fonte Borea, una fontana sicuramente di origine medievale,  assolutamente importante per una città con poche tracce della memoria. Ma soprattutto  una fontana utile anche alla ricostruzione della dinamica insediativa del versante della zona collinare di Pescara orientato verso  il mare.Durante i lavori, come si può notare dalle tre  foto, la fontana venne individuata e ripulita. Si attendeva solo un piccolo intervento di manutenzione e di delimitazione. La risposta, invece, la possiamo notare nella foto di qualche giorno fa, in cui  la Fonte  appare ricoperta da vegetazione, certamente delimitata da una rete metallica, ma invisibile e ricollocata in una vergognosa condizione di abbandono e certamente verso la definitiva distruzione. Non si finisce mai di affermare con forza come questa sia una città senza passione per il proprio passato. E questa è l'ennesima riprova. Chiediamo all'Amministrazione Comunale e alla Soprintendenza Mibact di adoperarsi per il recupero della Fonte, individuando anche gli scellerati autori di questi scempio!

Licio Di Biase - Coordinatore Comitato Pescaratutela/selfie

Giulio De Collibus - Presidente Archeoclub di Pescare e Vicepresidente Nazionale Archeoclub d'Italia

 

 

Pescaratutela/selfie: per l’Osservatorio urbano permanente dell’edilizia storica del Comune di Pescara

on .

 “PESCARATUTELA/SELFIE”

COMITATO PER LA TUTELA DEGLI OTTO LUOGHI IDENTITARI DI PESCARA

 

     Al Sindaco del Comune di Pescara

                     All’Assessore all’ Urbanistica Stefano Civitares

p.c. Al Prof. Claudio Varagnoli -Dipartimento diArchitettura UdA

 Al Dott. Aldo Pezzi – Soprintendenza Mibact - Abruzzo

Oggetto:   Richiesta di istituzione dell’Osservatorio urbano permanente  dell’edilizia storica del Comune di Pescara

Facendo riferimento al provvedimento di variante al Piano Regolatore del Comune di Pescara per La tutela del Patrimonio storico-culturale al punto "3.4. Proposta per un Osservatorio urbano permanente dell’edilizia storica”, si legge:

“La messa in valore del patrimonio storico architettonico, e in generale delle identità culturali locali, pone la necessità di periodiche rilevazioni dirette orientate all’individuazione della consistenza effettiva delle unità edilizie, alla valutazione sul mantenimento degli elementi architettonici/tipologici più rilevanti, nonché della condizione statica degli edifici. A tal fine, in alcune città sono stati istituiti gli Osservatori sul recupero dell’edilizia storica che possono valere di esempio anche per il caso di Pescara. "

Alla luce di imminenti provvedimenti che dovranno essere approvati dal Consiglio Comunale, tra cui il recepimento della Legge Regionale n. 40 del 2017, relativo al recupero del Patrimonio esistente, si invita l’Amministrazione Comunale a provvedere all’istituzione dell’Osservatorio urbano permanente, onde evitare interventi lesivi del Patrimonio Storico-Culturale.

 Il coordinatore 

Licio Di Biase