PIAZZA ITALIA

Presentata la nuova Carta dei Servizi Sociali del Comune di Pescara

on .

Presentata la nuova Carta dei Servizi Sociali del Comune di Pescara

 

E' stata presentata stamane, in Sala Giunta, la nuova Carta dei Servizi Sociali del Comune di Pescara. Alla conferenza hanno preso parte il Sindaco Marco Alessandrini, l’Assessore alle Politiche Sociali Antonella Allegrino, il dirigente del settore Politiche per il Cittadino e Programmazione Sociale Marco Molisani, la funzionaria del Settore Roberta Pellegrino. Alla conferenza sono intervenuti anche numerosi referenti delle associazioni, delle cooperative ed enti del terzo settore ad oggi “affidatari” di alcuni servizi.

 

Nel link il documento consultabile sulla sezione dedicata alle Politiche sociali del sito istituzionale:

http://www.comune.pescara.it/files/doc_online/2019/Carta_dei_servizi_esecutivo.pdf

 

“Nella giornata di venerdì scorso - ha detto il Sindaco Marco Alessandrini- ho ritenuto doveroso presentare la relazione di fine mandato esponendo tutte le attività svolte nel corso di questo mandato. Tra le tante, vi era anche una sezione relativa alle azioni portate avanti sul fronte del Sociale, che vedono il compimento nella Carta dei Servizi che presentiamo oggi, una carta che avvicina come non mai l’Amministrazione alla comunità e che sostiene i cittadini più svantaggiati o vulnerabili ai quali è fondamentale prestare supporto”.

 

“Ci tenevamo molto, oggi, alla presenza dei partner che hanno visti assegnati i servizi presenti nel Piano Sociale – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali Antonella Allegrino- la Carta dei Servizi è un pò la fase conclusiva di un lavoro che si è avviato nel momento in cui il Sindaco mi ha chiamata a svolgere questa funzione, quella di Assessore. Ad ottobre 2016 abbiamo illustrato il Piano Sociale e in questi anni lo abbiamo riscritto e lo abbiamo fatto ascoltando il territorio e il terzo settore, gli operatori che quotidianamente si trovano a dare risposte. E' stato un percorso intrapreso insieme e garantito dall'impegno di tutti coloro che si sono resi disponibili. In questi anni, abbiamo svolto oltre 30 incontri tematici con esperti del settore e siamo riusciti in Consiglio Comunale a varare il Piano Sociale Ecad 15 nel 2017. Ringrazio il dott. Molisani, la dott.ssa Antonioli, la dott.ssa Allegrino, gli assistenti sociali e tutti coloro che hanno garantito i servizi. Stiamo lasciando e consegniamo tutto ciò a chi verrà dopo, un'area, quella del Sociale, molto più articolata rispetto al passato, a fronte di bisogni crescenti che abbiamo incontrato confrontandoci con altre istituzioni, la ASL e altri enti che con noi hanno collaborato. La Carta dei Servizi è un atto finale, la consegna alla comunità di come si accede ai servizi, dove vi sono indicate le finalità e quello che si offre rispetto al singolo servizio, suddiviso in temi e strutturato in assi tematici, come prevede il Piano Sociale regionale. 

Il cartaceo continua ad essere uno strumento di diffusione, più diretto rispetto al web, per questo sarà possibile reperire delle copie di questo documento anche presso le sedi delle associazioni. E' stata una bella sfida, ci abbiamo lavorato tutti con grande impegno, abbiamo voluto fare in modo che tutte le nostre risorse andassero incontro ad attività di assistenza, con il tentativo di portare avanti delle politiche attive sia per quanto riguarda il lavoro che di partecipazione sociale alla comunità. La grande sfida è stata la possibilità di creare condizioni di partnariato con il terzo settore, mi auguro che questo possa proseguire, abbiamo creato le basi affinché il terzo settore possa esprimere le proprie potenzialità, coscienti che si tratta di percorso difficile ma possibile, le associazioni hanno raccolto questa sfida, insieme si può e si deve agire per rendere adeguati i servizi al nostro territorio e per dare una dare risposta migliore ai cittadini. In totale, 42 milioni di euro sono stati investiti in 5 anni sul Sociale, relativi al mandato Alessandrini 2014-2019, e verranno rifinanziati anno per anno perché provengono sia da fondi nazionali che da fondi di bilancio. Il Piano Sociale proseguirà e la nuova amministrazione effettuerà nuove scelte”.

 

“Solitamente cerco di stare dietro le quinte, ma stamattina sono orgoglioso di essere qui perchè dietro la Carta dei Servizi c'è la summa di un lavoro che prende inizio circa 3 anni fa – ha detto il dirigente del settore Politiche per il Cittadino e Programmazione Sociale Marco Molisani- Siamo stati molto impegnati come Settore sullo svolgimento delle gare relative ai Servizi Sociali e concludiamo questo mandato del Sindaco Alessandrini e dell'Assessore Allegrino con servizi rilevanti (SAD, SAS, Servizio Socio-Psico-Pedagogico) che sono stati affidati su base triennale. In seguito all'approvazione del Piano Sociale, sono stati affidati 10 servizi in co-progettazione, si tratta di servizi concertati con le associazioni, approfondendo le necessità della comunità. Quello che mi rende molto orgoglioso, inoltre, sono i dati di una ricerca relativa alla “Qualità della Vita”, che ha analizzato l'area del “Disagio sociale e personale, pubblicata nell'inserto Economia e Finanza di Italia Oggi nel mese di novembre 2018 e che vede la città di Pescara salire dalla 102esima posizione nel 2017 alla 35esima posizione nel 2018. Nella lotta la disagio sociale, nell'arco di un solo anno siamo passati a scalare ben 67 posizioni e il Comune di Pescara ha fatto in questo la sua parte”.

 

L'incontro è stato l'occasione per presentare alla stampa anche il Bilancio Sociale dell'ECAD 15. Ad illustrarne i dettagli è stata la funzionaria del Settore Roberta Pellegrino, che ha dichiarato: “E' importante capire cosa il sociale “muove” e i risultati che oggi presentiamo, che si vedranno negli anni avvenire, sono frutto di un processo. I servizi e gli interventi erogati tramite fondi diretti sono stati pari 9.576.750,81 euro e hanno coinvolto circa 28 mila beneficiari; invece, più di 3 milioni di euro riguardano gli interventi sull'Area dell'Inclusione Sociale e Sostegno alle Famiglie, che nel Triennio 2018-20120 hanno interessato e interesseranno più di 7 mila beneficiari (tra individui e nuclei familiari). Dal Bilancio Sociale emerge che interventi incisivi sono stati compiuti, in particolar modo, verso le fasce sociali più problematiche della società attraverso strategie per l'inclusione attiva per persone in disagio sociale ed economico. In mancanza di documenti che diano conto dei dati realizzati con il vecchio Piano Sociale, è indubbio che il nuovo Piano Sociale abbia raddoppiato i servizi, raddoppiato gli investimenti e soprattutto introdotto una nuova modalità di co-progettazione dei servizi lavorando per il benessere di una comunità intera e non per le singole realtà del privato sociale”.

 

Pescara 23 aprile 2019

 

Sì del Consiglio al Piano Traffico.

on .

 Presutti: “Approvazione storica di un documento atteso dal 2007. La mobilità di Pescara sarà più sostenibile, sicura e all’avanguardia”

 

Sì del Consiglio al nuovo Piano generale del traffico urbano atteso dal 2007, l’aggiornamento, voluto dall’Amministrazione Alessandrini, rimodula la mobilità cittadina, adeguandola alle diverse attività promosse in tema di sostenibilità e aprendola ulteriormente all’utilizzo di più mezzi di locomozione.

 

“Diversi gli obiettivi che il Piano tende a perseguire nei prossimi due anni, tempo di vigenza dell’aggiornamento – così l’assessore alla Mobilità Marco Presutti – L’approvazione di oggi corona un impegno concreto e serrato che abbiamo avuto per definire un iter rimasto a lungo inesitato. Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto e del riscontro dato dal Consiglio, perché il piano non è solo un documento politico, ma sintetizza un’azione amministrativa concreta, volta a una mobilità più sicura, a ridurre l’inquinamento atmosferico e acustico, nonché incrementare l’offerta di trasporto pubblico, incentivando anche la mobilità a zero emissioni, il tutto in base alle normative di riferimento e a modelli evoluti e replicabili alla situazione cittadina.  

E’ un piano che riassume il lavoro dell’Amministrazione e degli esperti delle società incaricate dal Comune, quali Sysma systems management (capogruppo), Sipet società cooperativa S.t.p. - transport engineering consulting e ingegner Simone Grasso (mandanti), condiviso anche con i soggetti portatori d’interesse attraverso incontri e interlocuzioni durante la fase di redazione.

Diversi i punti cardine del nuovo assetto della mobilità cittadina: la sosta, in primis, con una riorganizzazione e potenziamento finalizzati a incentivare l’uso dei mezzi pubblici, attraverso la realizzazione di parcheggi di interscambio che consentano l’intermodalità per raggiungere il centro della città e anche con tariffe differenziate in base alla fascia urbana e alla distanza dal centro.

L’altro asse di intervento riguarda il sistema di trasporto pubblico, affinché sia il punto di forza negli spostamenti cittadini, un obiettivo che passa attraverso la riorganizzazione e il potenziamento del TPL, sia nel centro cittadino, che in collegamento con Montesilvano e con la parte sud della città, zona universitaria e uffici giudiziari.

Il lavoro finora svolto nella riconnessione delle piste ciclabili esistenti viene valorizzato ancora di più con nuove piste ciclabili e itinerari distinti che vanno dalla costa alla collina, dalla Riserva al lungofiume secondo sei distinti percorsi.

Non fluidificazione fine a sé stessa, ma anche un sistema di sensi unici ragionato e aderente alla viabilità e al traffico cittadino, sia sul fronte collinare che in piano, toccando le aree più strategiche e frequentate, questo è l’orizzonte a cui il piano tende, sempre in vista della maggiore sicurezza da assicurare agli spostamenti.

 

Pescara 11 aprile 2019

 
 
 

 

Rampigna, sì della Giunta alla riqualificazione.

on .

Diodati: “Un nuovo campo, un museo e non solo sport nel futuro della struttura”

 

Sì della Giunta Comunale al progetto per la riqualificazione attraverso opere di risanamento conservativo, l’impianto sportivo di proprietà comunale denominato “Renato Curi”, meglio conosciuto come “Rampigna”,

 

 

“Si tratta di un impegno preso con la città che pratica e promuove lo sport – così l’assessore allo Sport Giuliano Diodati– L’impianto deve tornare a vivere, la sua posizione centralissima all’interno della città lo rende l’unico impianto facilmente raggiungibile con la maggior parte dei mezzi pubblici, oltre che dalla viabilità ciclabile, pertanto facilmente fruibile da parte delle giovani generazioni, dedite alle attività sportive. La sua storia è da sola una ragione più che valida dell’esigenza di riportarlo in piena attività, un passato glorioso a cui vogliamo dare un futuro nuovo.

Le opere da realizzare consistono nella riqualificazione della struttura sportiva, finalizzata alla restituzione alla comunità di un impianto con caratteristiche versatili, sia per lo svolgimento di attività sportive, sia di eventi culturali. Abbiamo dunque approvato il Progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento, per un importo complessivo di 800.000 euro e con l’intenzione di avviare il processo già nel 2018.

Il progetto è già pronto, prevede la realizzazione di un nuovo campo di calcio in erba sintetica, il rifacimento delle tribune e degli spogliatoi e nuovi sotto servizi. Stiamo pensando anche alla memoria di questo storico campo, inserendo nel progetto anche un museo dedicato alla storica squadra di calcio Strapaesana, mito nel Dopoguerra. Sport e non solo sport ci saranno anche gli eventi nella nuova vita del Rampigna: posizione e logistica lo rendono candidabile ad ospitare concerti e iniziative anche di altra natura, valorizzando ancora di più la porzione di città dove storicamente sorge

 

Pescara, 1 ottobre 2018