PIAZZA ITALIA

Eletti presidenti e vicepresidenti della 1a e della 2a Commissione della Nuova Pescara

on .

Eletti presidenti e vicepresidenti della 1a e della 2a Commissione della Nuova Pescara

 

Si sono riunite questa sera la Prima e la Seconda Commissione della Nuova Pescara per procedere all’elezione dei rispettivi uffici di presidenza. Al termine delle consultazioni, tenutesi presso la sala consiliare del Comune di Pescara, è stata eletta a presidente della 1a Commissione (Organizzazione del Personale, e degli uffici, Gestione unica di committenza e gestione dei contratti; Standardizzazione e unificazione di reti e sistemi informatici; Armonizzazione dei bilanci; Riscossione tributi; Patrimonio; Società partecipate)  Erika Alessandrini (Pescara – M5S); le vicepresidenze sono andate a Cinzia Beradinelli (Civica di centrosinistra - vicario) e Vincenzo Fidanza (Montesilvano – PD). Alla Presidenza della 2a Commissione (Servizi e politiche sociali; Servizi scolastici; Disabilità e Sanità) è stato eletto Valter Cozzi (Montesilvano - Fdi), vicepresidenti Stefania Catalano (Pescara – Pd vicario) e Filomena Passarelli (Spoltore - M5S).

 

Pescara, 15 aprile 2021      

Il sindaco Carlo Masci firma l’ordinanza che dispone le fasce orarie di attività per i pubblici esercizi che somministrano alimenti e bevande

on .

Entrerà in vigore venerdì 11 giugno la preannunciata ordinanza che il sindaco di Pescara Carlo Masci, recependo un ordine del giorno votato dal Consiglio comunale, ha firmato in queste ore allo scopo di regolamentare gli orari di apertura e chiusura delle attività cittadine, in particolare nelle aree cittadine in cui maggiore è l’affluenza di persone per la presenza di locali come bar, pub e ristoranti. Obiettivo del provvedimento è stato quello di contemperare il diritto al riposo notturno dei cittadini con la necessità di favorire il più possibile la ripartenza di quegli esercizi messi in difficoltà, nel corso dell’ultimo anno, dalle chiusure provocate dall’emergenza sanitaria. Non meno rilevante è stata l’attenzione al mantenimento di un adeguato livello di decoro urbano e di tutela della pubblica incolumità che, sopratutto nelle ore serali e notturne, può determinare potenziali problemi di ordine e sicurezza pubblica. Sentite quindi, in incontri svoltisi negli ultimi due giorni in Comune,  le associazioni di categoria di Pescara, vale a dire  Confesercenti, Confartigianato, Confcommercio, Cna e Casartigiani, e dopo averne dato comunicazione al Prefetto Giancarlo Di Vincenzo, sono state determinate misurevolte a contemperare il legittimo interesse degli imprenditori locali all’utile di impresa con le richieste dei residenti delle zone interessate alla quiete e alla sicurezza urbana. L’ordinanza  del sindaco Masci introduce quindi in via temporanea – cioè dall’11 giugno e fino al 7 luglio 2021 –  la seguente disciplina per giorni, orari e aree distinte di Pescara, come riepilogata:      

 

 

1. Zona limitrofa a Piazza MuziiVia C. Battisti - Via Piave - Via Mazzini - Via Forti - Via Goito - Via Curtatone - Via De Cesaris - Via Minghetti - Via Poerio - P.zza M.Muzii - P.zza Santa Caterina - Via Quarto dei Mille - Via De Amicis;

 

2. Zona Centro StoricoVia delle Caserme - Largo dei Frentani -Via dei Bastioni – Corso Manthonè - Via Catone – Via Corfinio – Via Petronio – Via E.Flaiano – Piazza dell’Unione – Piazza Garibaldi

 

dalla domenica al giovedì, dalle ore 06:00 alle ore 00:30 del giorno successivo; venerdì e sabato dalle ore 06:00 alle ore 01.30 del giorno successivo;

 

3. Altre zone della città

dalla domenica al giovedì, dalle ore 06:00 alle ore 01:00 del giorno successivo; venerdì e sabato, dalle ore 06:00 alle ore 02.00 del giorno successivo.

 

 

 

<La pubblica amministrazione – ha detto questa sera il sindaco Carlo Masci – ha il dovere e la responsabilità di regolare comportamenti e attività sociali ed economiche, facendo in modo che non vi siano interessi prevalenti per l’una o l’altra categoria. Se così non fosse verrebbe meno al suo ruolo e alle sue funzioni. Il punto di equilibrio basato sul buon senso e sul rispetto di tutti i cittadini deve sempre prevalere sugli interessi di parte; solo così costruiremo una città più accogliente e accresceremo la qualità della vita di tutti noi. Sono convinto che nelle prossime settimane, quando l’estate vivrà la sua fase centrale - si potranno fare significativi passi in avanti, questo se le condizioni lo permetteranno>.   

 

 

 

 

Pescara, 9 giugno 2021

            

FONTE BOREA - Una città civile non compie simili scempi.

on .

Verso la fine della scorsa consiliatura, durante i lavori del Comune di Pescara per il rifacimento di strada del Palazzo e di alcune strade limitrofe, su indicazione dei sottoscritti, vennero condotti i lavori con grande attenzione per individuare la Fonte Borea, una fontana sicuramente di origine medievale,  assolutamente importante per una città con poche tracce della memoria. Ma soprattutto  una fontana utile anche alla ricostruzione della dinamica insediativa del versante della zona collinare di Pescara orientato verso  il mare.Durante i lavori, come si può notare dalle tre  foto, la fontana venne individuata e ripulita. Si attendeva solo un piccolo intervento di manutenzione e di delimitazione. La risposta, invece, la possiamo notare nella foto di qualche giorno fa, in cui  la Fonte  appare ricoperta da vegetazione, certamente delimitata da una rete metallica, ma invisibile e ricollocata in una vergognosa condizione di abbandono e certamente verso la definitiva distruzione. Non si finisce mai di affermare con forza come questa sia una città senza passione per il proprio passato. E questa è l'ennesima riprova. Chiediamo all'Amministrazione Comunale e alla Soprintendenza Mibact di adoperarsi per il recupero della Fonte, individuando anche gli scellerati autori di questi scempio!

Licio Di Biase - Coordinatore Comitato Pescaratutela/selfie

Giulio De Collibus - Presidente Archeoclub di Pescare e Vicepresidente Nazionale Archeoclub d'Italia

 

 

Il sindaco Masci scrive al Presidente della Regione Marsilio per chiedere di posticipare la riapertura delle scuole

on .

In una lettera il sindaco di Pescara Carlo Masci questa mattina ha sollecitato il Presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio,  a posticipare la riapertura delle scuole per via dell’impennata registrata in questa fase dalla curva sull’andamento dei contagi da Covid 19.  <Stiamo attraversando - scrive Masci - il momento più difficile di un’ulteriore ondata pandemica che ci ha costretti più di un mese fa a scelte difficili e a decisioni molto sofferte, per quanto necessarie, come quelle di sospendere le lezioni in presenza. Noi amministratori abbiamo la grave responsabilità di dover conciliare le indicazioni della scienza in campo epidemiologico-sanitario con il quadro sociale ed economico. E anche adesso bisogna agire presto e bene>.

I dati più aggiornati riportano infatti come, nel periodo compreso tra il 5 e l’11 marzo 2021, la Asl abbia notificato all’ente ben 623 nuovi casi di positività al Covid di persone residenti, con una media di circa 97 al giorno; mentre, per quanto riguarda la provincia, i casi registrati di positività nello stesso lasso di tempo sono stati oltre mille. Sulla base di questo report, il primo cittadino nella lettera chiede dunque al presidente della Regione se intenda avvalersi delle prerogative assegnategli dal DPCM del 5 marzo 2021 (art.21),  poiché <l’incidenza cumulativa  settimanale dei contagi, quando superiore a 250 casi su centomila abitanti, e nelle circostanze di chiaro peggioramento del quadro epidemiologico, permette appunto di sancire la chiusura delle scuole di ogni ordine grado e dei servizi educativi. La tutela della salute pubblica ci impone oggi l’unica forma efficace di prevenzione che è il distanziamento sociale, almeno in attesa delle risposte definitive che verranno dalla vaccinazione su larga scala>. 

Appare di tutta evidenza, alla luce dei su citati riscontri statistici, che Pescara si trovi in questa fattispecie; condizione che, vista anche l’imminenza della scadenza della sospensione dell’attività didattica in presenza, ha spinto il sindaco della città più popolosa d’Abruzzo a rivolgersi al Presidente della Regione  <affinché venga adottato uno specifico e motivato provvedimento che posticipi la riapertura delle scuole a quando la situazione sia sperabilmente rientrata in un quadro di tollerabilità. In ogni caso  - ha concluso Masci – mi regolerò anche in base a quelle che in queste ore saranno le conclusioni dei lavori del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica>.   

 

 Pescara, 12 marzo 2021