PIAZZA ITALIA

Al Comune di Pescara 500.000 euro dal progetto europeo “Life + A_Greenet”

on .

Saranno investiti nella riqualificazione della Pineta Riserva naturale Dannunziana
e per interventi di microforestazione in Viale Bovio e nell’area dell’ospedale

Una notizia estramamente favorevole per la città di Pescara e per il suo patrimonio arboreo. E’ stata infatti pubblicata, sul sito on line del progetto europeo “Life + A_Greenet”, la comunicazione della concessione di risorse complessive per 3,5 milioni di euro a favore dei soggetti partners partecipanti, vale a dire la Regione Abruzzo (quale capofila), i comuni di Ancona, Pescara e San Benedetto del Tronto, la Ats Comuni Costieri teramani, oltre a Unicam, Res Agragria e Legambiente. Al capoluogo adriatico andranno complessivamente 500.000 Euro, di cui 277.566 tramite il finanziamento UE e il rimanente come quota di compartecipazione. Le risorse saranno impiegate per interventi attesi da anni e che ora, finalmente, potranno essere messi in programma.

Il progetto prevede infatti un’azione di restauro della pineta nella zona sud di Pescara, all’interno della Pineta Riserva Naturale Dannunziana, andandosi oltretutto a integrare con interventi di rigenerazione del suolo; particolare attenzione sarà riservata alle aree degradate della pineta, in particolare del così definito comparto 4 che ha subito un vistoso impoverimento del patrimonio arboreo.
Le altre due linee d’intervento previste nel piano finanziato dall’Ue sono relative ad attività di micro forestazione urbana, in gergo tecnico, che interesseranno in primis l’area in cui gravita l’ospedale civile cittadino, dove saranno poste in essere piantumazioni di specie quali aceri, pero da fiore, olivo e alberelli che tollerano i tassi d’inquinamento; l’ultimo settore urbano interessato sarà quello di Viale Bovio, con piantumazioni accomunabili a quelle della zona del nosocomio cittadino.

<E’ una notizia di rilievo per la tutela del verde di Pescara – ha detto il sindaco Carlo Masciche interviene nel più ampio complesso delle iniziative che vogliono disegnare per Pescara una prospettiva “green” attraverso sistemi di mobilità non inquinanti o, come in questo caso, con l’ampliamento del patrimonio verde quale elemento determinante per il decoro urbano e per l’ambiente. Importantissimo sarà in particolare il piano di restauro arboreo alla Pineta Dannunziana. Mi complimento con i nostri uffici e con quelli della Regione che, insieme, hanno raggiunto questo obiettivo>.         

 
Pescara, 5 marzo 2021                                     

All’Aurum arriva la Sala Vicentino Michetti:

on .

Saranno tutte esposte le opere dell’artista donate al Comune.

Blasioli e Di Iacovo: “Un lieto fine a una vicenda sospesa da vent’anni”

 

Sarà inaugurata prima dell’estate la Sala Vicentino Michetti all’Aurum, dove verranno esposte tutte le opere donate dall’artista al Comune di Pescara, perché fossero fruite dalla cittadinanza. Questo è quanto è emerso durante la conferenza che si è svolta oggi a cui hanno preso parte il vicesindaco Antonio Blasioli, che si è applicato alla soluzione di una controversia più che ventennale con gli eredi già da quando era Presidente del Consiglio Comunale, l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo, la figlia dell’artista, Laila Michetti e l’architetto Antonio Michetti che ha realizzato e donato al Comune il progetto secondo cui le opere saranno esposte in modo permanente nella sala Barbella dell’Aurum e all’esterno della struttura.

 

“Il Comune di Pescara pone fine a un’ingiustizia nei confronti di Vicentino Michetti – così il vicesindaco Antonio Blasioli - A lui sono affezionato perché ho studiato qualche opera presente al Comune come Grazia e i genitori, poi ho conosciuto sua figlia Laila ed è nata amicizia e rispetto reciproco, un rapporto che ci ha consentito di definizione una vicenda che ha avuto un percorso tormentato. Tutto comincia con una donazione modale delle opere di Vicentino che dovevano essere accolte in modo diverso: chi frequenta e vede la stele al Teatro D’Annunzio o l’elefante a piazza della Rinascita, non sa di trovarsi di fronte a sue opere, che hanno fatto la storia di Pescara. Nelle sue sculture Michetti ha ritratto soggetti speciali come i bambini, gli animali che devono essere patrimonio della città perché è dalla nostra storia che sono tratti e per esserlo devono avere un luogo deputato, come lui chiedeva all’atto della donazione. Così a lui dedichiamo la Sala Barbella dell’Aurum, i lavori sono iniziati, li sta eseguendo la ditta Sandro Buccione per un importo di 22.000 euro e i primi di aprile cominceremo a montare ad allestirla in modo che qualunque sia l’attività che si svolge nella sala, questa possa essere accompagnata dalla presenza delle opere che vi saranno esposte in modo permanente. Un ringraziamento voglio farlo a Laila, per la composizione di un rapporto che doveva essere diverso dal principio e ad Antonio Michetti, che ha seguito con noi l’allestimento. Tutte le opere saranno lì, anche se per Grazia avremmo una ipotesi su cui dobbiamo confrontarci con Laila, che è quella di restituirle lo sguardo del mare, ponendola al centro della piazza che nascerà davanti al teatro D’Annunzio appena finiranno i lavori di riqualificazione. Una collocazione auspicata, ma realizzabile solo a patto che la statua sia collocata in modo da non essere esposta a vandalismo e danneggiamenti”.

“E’ il miglior lieto fine a una vicenda lunga e antipatica – sottolinea l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo -Il primo contatto avuto con Laila appena insediati alla guida della città è arrivato con una lettera che chiedeva un sopralluogo a lei lungo negato al Museo Colonna dove erano conservate le opere per verificarne lo stato, a cui ho risposto chiedendole di andarci insieme. Quella mattinata ci siamo trovati di fronte a situazioni molto gravi e sgradevoli, le diedi ragione conscio che un tale patrimonio non potesse versare in quello stato. L’Amministrazione, sulla scorta della richiesta di rendere più fruite quelle opere, ha dato ascolto alla richiesta, Laila ci ha dato fiducia e siamo riusciti a fare in modo che le opere dal degrado potessero avere una definizione diversa e un maestro come Michetti possa essere meglio e giustamente conosciuto dalla cittadinanza e da chi frequenta la città”.

 

“Durante questi anni non ho mai avuto fiducia nella politica, poi, un bel giorno, casualmente ho conosciuto Antonio Blasioli, un ragazzo dalla faccia pulita che mi ha dato ascolto e con lui si è chiuso un periodo di carte bollate – racconta Laila Michetti - Poi ho conosciuto l’assessore Di Iacovo  e abbiamo costruito un cammino che ci ha portato a questo punto. Io vi ringrazio e ringrazio Antonio Michetti, mio cugino per il suo progetto e ringrazio mio padre che mi ha dato la forza e la costanza di insistere in questi lunghi venti anni, perché il fine della donazione potesse essere questo”.

 

“Il progetto è un fatto dovuto – conclude Antonio Michetti, nipote dello scultore - perché siamo nati nello studio di mio zio e veder crescere queste opere è stata la nostra vita. Fare questa esposizione è un fatto dovuto. Io ho limato un po’ Laila perché si arrivasse a questa soluzione e a quanto pare ci siamo riusciti”.

 

 

Vicentino Michetti.

 

Vicentino Michetti nacque a Calascio il 16 febbraio del 1909 ed è scomparso nel 1997. Apparteneva ad una famiglia di costruttori e trovò la sua strada proprio nella continuazione dell'attività di famiglia. Non abbandonò mai l'arte, sua vera passione. Fu infatti la figlia a ispirarlo e a spingerlo a realizzare i primi disegni e le prime plastiche. Dopo la guerra ritornò alle sue passioni, esponendo anche a Roma nel 47 e nel 56 e a Parigi nel 58, alla Galleria Bernheim. Altre opere visibili a Pescara sono "Grazia. Le marenare", all'interno del Comune, la "L'Obelisco D'Annunziano", il Teatro "D'Annunzio", "La Donna stesa" all'interno di Villa Urania.

 

Prima dell’estate il territorio cittadino sarà monitorato

on .

È stato firmato a Palazzo di Città il contratto per la fornitura di telecamere intelligenti che saranno tutte posizionate e in funzione prima dell’estate, ovvero tra maggio e giugno. La
fornitura risponde alle linee direttive dell’Amministrazione in termini di “Smart city” e altresì alle richieste provenienti dal territorio di una maggiore vigilanza a fini deterrenti e di controllo, sia in termini di prevenzione sia di agevolazione della Forze dell’ordine in fase investigativa.
Per il sindaco  Carlo Masci si tratta di un «ulteriore passo in avanti sulla ridefinizione della città in chiave moderna, a dimostrazione che dalla tecnologia, se opportunamente usata, può arrivare un significativo aiuto per la sicurezza e la tranquillità. Con questa iniziativa Pescata si pone ancora all’avanguardia su scala nazionale per la lungimiranza di un piano di
prevenzione e monitoraggio del territorio affidato a 370 strategici occhi elettronici».
L’assessore alla sicurezza urbana e alla videosorveglianza  Adelchi Sulpizio , nel sottolineare la piena funzionalità dimostrata dagli uffici comunali nella gestione  dell’intera procedura, si dice convinto che «l’intervento sarà realizzato entro 135 giorni dalla consegna dei lavori e permetterà di garantire ai cittadini un più alto standard di sicurezza e vivibilità sociale».
L’appalto, per un valore complessivo di 1,4 milioni di euro, ha visto come aggiudicataria la Società SITE SpA di Bologna. Verranno installate in zone già ben individuate o ritenute “sensibili” 170 telecamere con funzioni “intelligenti” che andranno a integrarsi con ulteriori 160 telecamere per dare vita a una rete complessiva di 370 apparecchiature in un agile
sistema di videosorveglianza. Il monitoraggio delle riprese avverrà in tempo reale tramite una control room (sala operativa) sotto il controllo della Polizia Municipale e dotata di tutta le soluzioni per la gestione degli allarmi rilevati in città. Il procuratore della Società SITE SpA intervenuto per la stipula del contratto non ha mancato di rilevare che, per dimensione e caratteristiche, l’iniziativa rappresenta uno dei casi più ambiziosi del panorama nazionale.
Pescara, lì 13 gennaio 2020

Campionati Italiani Indoor e Trofeo skate Italia

on .

SABATO 27 FEBBRAIO ore 11.00

 

AURUM -  Sala  D’ANNUNZIO

 

Campionati Italiani Indoor e Trofeo skate Italia

 

Presentazione alla stampa dell’Edizione 2021

 

 

 

Sabato 27 febbraio  alle ore 11.00  sarà presentata alla stampa l’edizione 2021 dei Campionati italiani Indoor e il Trofeo Skate Italia, massima manifestazione del pattinaggio italiano. 

 

La manifestazione sportiva sarà quest'anno divisa in due weekend per evitare assembramenti in base alle normative Covid. Nel primo weekend (5/6/7 marzo) è prevista la presenza di circa 300 atleti delle categorie RAGAZZI e RAGAZZI 12. Nel secondo weekend invece (12/13/14 marzo) è prevista la presenza di circa 400 atleti delle categorie  ALLIEVI, JUNIORES E SENIORES. Saranno assegnati 30 titoli italiani ad atleti provenienti da tutta  Italia.

 

Alla presentazione interverranno il Sindaco Carlo Masci, il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, il presidente del Consiglio Comunale Marcello Antonelli, il vicesindaco Gianni Santilli, l’assessore allo Sport del Comune di Pescara Patrizia Martelli, l’Assessore allo Sport della Regione Abruzzo Guido Liris, il consigliere regionale Vincenzo D’Incecco,  il presidente della Commissione Consiliare Sport Adamo Scurti, il presidente italiano FISR, Sabatino Aracu il responsabile discipline FISR Sandro Cipriani, il presidente regionale FISR Giovanni Di Eugenio, il Giudice Sportivo Territoriale FISR Abruzzo Daniele Sciarra e gli organizzatori del C.S. Pattinaggio Pescara, Angelo Lombardi, Paola Ballarini e Lino Petrosino.

 

La stampa è invitata a partecipare.

 

Pescara, 23 febbraio 2021