PIAZZA ITALIA

Inaugurazione sabato 20 ottobre all’Aurum dell’Ufficio Europa Area Metropolitana del Comune di Pescara, Montesilvano e Spoltore.

on .

I sindaci: “Parte una coprogettazione strategica per le nostre città”

 

Dopo l’approvazione della coprogettazione fra i Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore arriva l’evento di inaugurazione  per l’Ufficio Europa Area Metropolitana che sabato 20 ottobre a partire dalle ore 11 sarà inaugurato all’Aurum dai tre primi cittadini con un evento di apertura per fare il punto sull’importanza della progettazione europea per le città e i territori. Ueam è un ufficio che unisce tre Comuni, finanziato nell’ambito del POR FSE Abruzzo 2014/2020 Asse IV, destinato a favorire, in forma coordinata e nell’ambito della costruzione di una strategia unitaria di sviluppo territoriale, tra i tre Comuni, la gestione associata di servizi diretti a sostenere l’accesso ai finanziamenti resi disponibili a valere su programmi europei, nazionali e regionali.

 

“Apriremo un ufficio che unisce i Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore – così il sindaco Marco Alessandrini - alla base di questo progetto che ci vede anche primi nella classifica dei finanziamenti, c’è un lavoro di squadra che va nella direzione della Nuova Pescara. Apriamo un Ufficio Europa che non sarà limitato al nostro territorio ma sarà di Area vasta: questo significa gestione associata di servizi, non solo centro di informazione, ma luogo di consulenza per avere i finanziamenti. Un traguardo ulteriore che ci invita a progettare in grande, producento sinergie ed economie di scala e che varchiamo ringraziando le strutture dei nostri rispettivi Enti, che si aggiunge alle altre copiose risorse che in questi quattro anni e mezzo di governo siamo riusciti a catalizzare e trasformare in servizi, senza perdere treni, ma facendo crescere opportunità in nome del territorio e della buona progettazione e che ora potremo ampliare grazie al lavoro che faremo insieme”.

 

“Considero l’Ufficio Europa area metropolitana, una grande opportunità  per accedere a quei fondi che la nostra regione, e le nostre città, non sono riusciti, finora, a ottenere dall’Unione europea - dice il sindaco di Montesilvano, Francesco Maragno - Potremo avviare servizi di progettazione, programmazione e accesso ai finanziamenti europei, in particolare in base all’avviso pubblico relativo all’intervento 25 del Piano operativo FSE 2017/2019 del Por Fse Abruzzo 2014/2020 empowerment delle istituzioni locali. E’ fondamentale per la nostra città, terza per popolazione in Abruzzo, avere disponibilità nuove per modelli di governance urbana, per il rilancio della competitività dei nostri territori. Lavorando su obiettivi comuni si possono raggiungere risultati importanti a favore dei cittadini, che devono essere gli unici referenti del nostro lavoro”.

 

“La messa in rete dei servizi dei Comuni e l’organizzazione degli interventi in aree omogeneamente più simili - evidenzia il sindaco Luciano Di Lorito -  è la via del futuro per migliorare l’offerta di servizi alla cittadinanza. Una via a cui ci invita la normativa nazionale che organizza in ambiti tutta una serie di servizi, dai rifiuti al sociale: dobbiamo percorrerla perché è la via vincente per rendere efficienti, ottimizzare e sfruttare le economie di scala. Iniziative come questa dimostrano che non è necessario fondere le Amministrazioni per riuscirci e dare servizi migliori ai nostri territori. Sul reperimento dei fondi europei scontiamo ritardi che vanno imputati alla difficoltà di attrarre finanziamenti, grazie alla coprogettazione con Pescara abbiamo potuto cogliere questa opportunità e con le risorse dei nostri organici potremo fare in modo che i fondi arrivino sulle nostre città per portare avanti progetti che non possiamo coprire con risorse comunali”.

 

INFO E PROGRAMMA

http://www.ueam.it/2018/10/15/ueam-inaugurazione

Ore 11 Saluti istituzionali

Elena Sico, Responsabile Servizio Autorità di Gestione Unica FESR-FSE, Programmazione e Coordinamento Unitario della Regione Abruzzo Francesco Maragno, Sindaco Comune di Montesilvano,  Luciano Di Lorito, Sindaco Comune di Spoltore

Ore 11,20 Interventi

Massimo Luciani, Direttore ANCI Abruzzo
Alessandro Addari, Vice Presidente Confindustria Chieti Pescara Graziano Di Costanzo, Direttore Regionale CNA Abruzzo Fabrizio Vianale, Direttore Confartigianato Pescara
Roberto Mascarucci, Prof. Ord. Urbanistica UdA Chieti-Pescara Giuseppe Di Marco, Presidente Legambiente Abruzzo
Mario Battello, Direttore Associazione TECLA

Ore 13 Saluti finali

Marco Alessandrini, Sindaco Comune di Pescara

 

Pescara 18 ottobre 2018

 
 

Rotatoria del Pronto Soccorso, sì della Giunta al progetto di fattibilità tecnica. *

on .

Blasioli: “Opera doppiamente utile, per fluidificare il traffico di un incrocio pericoloso e agevolare l’ingresso al nuovo Pronto Soccorso” * La Giunta comunale nell’ultima seduta ha approvato il progetto definitivo esecutivo relativo al lavoro di infrastrutturazione e messa in sicurezza della nuova rotatoria che sorgerà in via Monte Fonte Romana dinanzi al nuovo Pronto Soccorso. “E’ un lavoro molto atteso che agevola i cittadini, stanchi di incroci di auto e dei continui incidenti tra via Fonte Romana, via Monte Faito e via Gole di San Venanzio – così il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici *Antonio Blasioli*- Uno degli incroci più trafficati e difficili, anche per il passaggio di tutta l’utenza ospedaliera. Lo spartitraffico verrà sostituito da una rotatoria che nascerà all’altezza dei capannoni degli operai del Comune. E’ un lavoro importante perché parte dalla piena sintonia con la Asl di Pescara e per questo voglio ringraziare il manager Armando Mancini che ha capito l’importanza di un lavoro unitario allorché con il nuovo ingresso del realizzando Pronto Soccorso, le ambulanze rientreranno proprio nell’area dove sorgerà la rotatoria. Il lavoro è stato preceduto da una serie di incontri tra i tecnici comunali e quelli della Asl, culminati che hanno condiviso l’esigenza di un intervento di più ampio respiro per la progettazione e realizzazione condivisa della nuova viabilità esterna ed interna al Pronto Soccorso, diretta ad ottimizzare i flussi veicolari in ingresso ed uscita. Questo lavoro ha portato all’approvazione dello schema di accorso di programma ex art. 34 del TUEL conclusosi con decreto sindacale il 5 febbraio 2018. Il Comune di Pescara sarà stazione appaltante e curerà la progettazione e l’esecuzione delle opere, sia della viabilità esterna che di quella interna, intendendo per viabilità interna quella che condurrà le ambulanze dall’altezza dell’attuale CUP fino all’ingresso del Pronto Soccorso e da qui all’uscita su via Fonte Romana, mentre Comune e Asl pagheranno ognuno per le opere di competenza, per cui la rotatoria sarà a carico del Comune per €. 100.000,00 mentre la Asl stanzierà €. 320.000. L’importo complessivo del progetto è di 420.000,00. Ora parte la gara di appalto, si punta a iniziare i lavori a fine febbraio inizio marzo e sono sicuro che la cittadinanza apprezzerà moltissimo questa opera che fluidificherà la circolazione in un incrocio di massimo afflusso di auto e ambulanze. Ancora una volta dimostriamo di saper centellinare i nostri interventi sui lavori pubblici, intervenendo solo laddove è necessario per la sicurezza degli utenti della strada”.

 

Rampigna, sì della Giunta alla riqualificazione.

on .

Diodati: “Un nuovo campo, un museo e non solo sport nel futuro della struttura”

 

Sì della Giunta Comunale al progetto per la riqualificazione attraverso opere di risanamento conservativo, l’impianto sportivo di proprietà comunale denominato “Renato Curi”, meglio conosciuto come “Rampigna”,

 

 

“Si tratta di un impegno preso con la città che pratica e promuove lo sport – così l’assessore allo Sport Giuliano Diodati– L’impianto deve tornare a vivere, la sua posizione centralissima all’interno della città lo rende l’unico impianto facilmente raggiungibile con la maggior parte dei mezzi pubblici, oltre che dalla viabilità ciclabile, pertanto facilmente fruibile da parte delle giovani generazioni, dedite alle attività sportive. La sua storia è da sola una ragione più che valida dell’esigenza di riportarlo in piena attività, un passato glorioso a cui vogliamo dare un futuro nuovo.

Le opere da realizzare consistono nella riqualificazione della struttura sportiva, finalizzata alla restituzione alla comunità di un impianto con caratteristiche versatili, sia per lo svolgimento di attività sportive, sia di eventi culturali. Abbiamo dunque approvato il Progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento, per un importo complessivo di 800.000 euro e con l’intenzione di avviare il processo già nel 2018.

Il progetto è già pronto, prevede la realizzazione di un nuovo campo di calcio in erba sintetica, il rifacimento delle tribune e degli spogliatoi e nuovi sotto servizi. Stiamo pensando anche alla memoria di questo storico campo, inserendo nel progetto anche un museo dedicato alla storica squadra di calcio Strapaesana, mito nel Dopoguerra. Sport e non solo sport ci saranno anche gli eventi nella nuova vita del Rampigna: posizione e logistica lo rendono candidabile ad ospitare concerti e iniziative anche di altra natura, valorizzando ancora di più la porzione di città dove storicamente sorge

 

Pescara, 1 ottobre 2018

 

 

 
 
 

Il Gruppo di Intervento Nucleo Anti Degrado della Polizia Municipale premiato dall'Anci come miglior progetto sicurezza d'Italia. Sindaco, Teodoro, Maggitti e Palestini:

on .

"Un riconoscimento che premia un lavoro importante e concreto della squadra, contro il degrado e una miriade di altri problemi"

 

Sarà insignito del Premio Anci per la sicurezza urbana il Gruppo in Intervento Operativo Nucleo Antidegrado della Polizia Municipale, un riconoscimento comunicato all’Amministrazione il 10 ottobre, che sarà consegnato il prossimo 25 ottobre nel corso della XXXV Assemblea Nazionale Anci, che quest’anno si terrà a Rimini dal 23 ottobre. Stamane la presentazione del riconoscimento è un report delle attività che il Giona compie quotidianamente dalla sua istituzione Per combattere il degrado e i reati connessi. Alla conferenza hanno partecipato il sindaco Marco Alessandrini, l’assessore alla polizia municipale Gianni Teodoro, il comandante della polizia municipale Carlo Maggitti, il coordinatore del Giona il maggiore Danilo Palestini e gli agenti scelti che ne fanno parte.

 

“Sono stato davvero felice nel leggere la missiva dell’Anci che ci comunicava la notizia del premio – così il sindaco Marco Alessandrini – Il gruppo GIONA e il lavoro e gli uomini e donne che lo animano riceveranno il Premio Anci per la sicurezza urbana, assegnato da una commissione sinergica con il Ministero, come miglior progetto. Questo significa che il Gruppo Intervento Operativo Antidegrado è motivo di orgoglio per la nostra città e lo sarà in seno all’assemblea che si terrà a Rimini, dove giovedì riceveremo. Io mi sento molto orgoglioso e voglio ringraziare tutti coloro che hanno lavorato perché ciò accadesse. Un sincero grazie all’assessore Teodoro perché il gruppo è una sua felice intuizione, poi al comandante Carlo Maggitti e al coordinatore e agli uomini e le donne che con costanza e tenacia non sono stati falchi chiacchieroni o colombe arrendevoli ma ogni giorno hanno speso e spendono le proprie energie per la città. Un saluto speciale al maggiore Palestini perché con il suo lavoro e quello della sua squadra si rende un grande servigio alla comunità. Non è nostro costume lodarci, ma è fastidioso il giochetto social molto in voga oggi che evidenzia il degrado ovunque dando per scontato che interventi non se ne facciano: qui c’è un gruppo che non lavora sul virtuale e che con la sua disponibilità limita effetti peggiori, trovando ogni giorno soluzioni reali a problemi reali. Noi sappiamo che per andare verso una città migliore dobbiamo continuare un percorso, ma siamo nella direzione giusta e il gruppo lo conferma”.

 

“La volontà che ci ha animato dall’inizio è stata quella di pensare un corpo di polizia municipale tenendo conto dei tempi e dei cambiamenti della società – così l’assessore alla Polizia Municipale Gianni Teodoro -  Servivano metodi nuovi, anche più arguti e sofisticati, per cui c’era bisogno anche a Pescara di un reparto che noi abbiamo pensato di costituire e ringrazio il sindaco che ha voluto scommettere su questa sfida e tutti coloro che portano avanti questo lavoro ai quali va dato il ringraziamento per il premio. Stiamo rispondendo alle esigenze del momento, il gruppo attraverso la sala operativa, l’assessorato, è in costante e quotidiano contatto con la città, intervenendo nell’immediatezza per bloccare reati e agire contro il degrado, contro l’abusivismo, lo spaccio, presenziare davanti alle scuole. L’Anci ci ha scelto fra tanti, sono orgoglioso di questo progetto perché è stato riconosciuto come risposta ai fenomeni delinquenziali che si vivono con maggiore frequenza nelle città. Il progetto andrà avanti, stiamo valutando la possibilità di prevedere nuove assunzioni, ne abbiamo ancora in atto 30 stagionali, una grande vittoria da parte dell’Amministrazione fino al 31 dicembre e nel 2019 vareremo concorsi per stabilizzare nuovi assunti e per far crescere di numero, mezzi e competenza il gruppo Giona. Solo così potremo tenere la città sotto controllo nel modo migliore, unitamente al progetto di videosorveglianza che abbiamo presentato al Ministero dell’Interno e di cui di cui attendiamo risposte che ci consentirà di controllare la città 24 ore al giorno con una sala operativa sempre accesa e su cui speriamo di poter comunicare notizie a brevissimo. Il giorno in cui accadrà potremo dire che  sulla sicurezza abbiamo dato una risposta concreta per la città”.

 

“Questo premio rappresenta per il Comune e per il Corpo un grande onore – così il comandante Carlo Maggitti - Nel 2008 i Comuni sono stati investiti dei poteri di sicurezza urbana, senza di fatto avere maggiori possibiulità. Noi abbiamo costituito un corpo speciale che ha iniziato con 6 unità più il responsabile, che abbiamo raddoppiato, dotandolo di mezzi e personale con grande sacrificio, ma che abbiamo voluto perché eravamo consci dei buoni effetti che avrebbe avuto sulla città. L’Amministrazione ci supporta in pieno, abbiamo avuto un rinforzo di 30 unità per 5 mesi che ci ha consentito di poter dedicare quasi esclusivamente le attività di questo gruppo contro il degrado urbano. Grazie a tutti i componenti, è stato bravo il maggiore Palestini a sceglierli e a creare in loro uno spirito di corpo che oggi deve essere d’esempio per il restante personale della Polizia Municipale, che malgrado tutte le incombenze cittadine cercano di coprire tutti i turni, anche quelli più sensibili ed esposti, con uno spirito di sacrificio e soccorso, nel silenzio dell’esercizio delle proprie funzioni”.

 

“Continuiamo a lavorare come abbiamo sempre fatto – così il maggiore Danilo Palestini, a capo del Giona – mi complimento con la mia  squadra  perché i ragazzi hanno fatto propria la mia filosofia di gruppo. Sono riusciti a fare squadra, sono riusciti ad avere fiducia reciproca, si sono presi le proprie responsabilità portandole avanti giorno per giorno. Il resto lo lascio ai numeri. Dico questo perché Giona così com’è strutturato lavora da solo e da solo interviene. Le nostre unità operative si strutturano con 3, 4, a volte solo due agenti, oltre al mio supporto tecnico-operativo 24 ore su 24 e con turni che si sa quando cominciano, ma non quando finiscono.  Cerchiamo di dare una risposta a problemi multidisciplinari. Il nostro ambito di intervento spazia dall’abusivismo, all’occupazione suolo pubblico, alle attività di contrasto allo spaccio di droga, passando per spunti investigativi che vengono elaborati dal gruppo come accade nelle più blasonate forze di polizia, spesso con la necessità di dare risposte prima di quanto la conclusione efficace dell'attività permetta. Questo accade perché molti vedono la polizia municipale come "quelli che fanno le multe" e basta, gli esattori del Comune. La squadra è invece intervenuta per situazioni disomogene e tra le più disparate: dall'esecuzione degli sfratti, all'attività di perlustrazione del territorio per la ricerca di persone scomparse: situazioni che noi gestiamo quotidianamente e senza grande clamore, senza tutte le tutele che hanno altri, ma con una grandissima determinazione”.

 

Pescara,  18 ottobre   2018