PIAZZA ITALIA

Il cordoglio del sindaco di Pescara Masci per la scomparsa di Aldo Marino:

on .

Appresa la notizia della scomparsa di Aldo Marino, operatore economico titolare di negozi di ottica, dirigente sportivo e già consigliere comunale, il sindaco di Pescara Carlo Masci ha espresso un messaggio di cordoglio per la morte di un amico fraterno ma soprattutto di un cittadino esemplare. <Oggi ci ha lasciato per sempre Aldo Marino - ha dichiarato Carlo Masci - Un altro dolore struggente, in un momento già molto difficile per noi tutti. Aldo è stato per me un caro amico, perché con lui ho vissuto la mia prima esperienza politica e amministrativa al Comune di Pescara, dal 1994 al 1998. Lui era il mio consigliere di riferimento, io cominciavo a percorrere i miei primi passi da giovane assessore e le sue intuizioni all’epoca furono per me utilissime. Quante battaglie politiche abbiamo fatto insieme, quanti ragionamenti, quante idee, quanti confronti, sempre con un unico obiettivo, il bene di Pescara, che amava visceralmente come me; non ha infatti mai anteposto gli interessi personali a quelli politici. Lo ricorderò sempre, e ne porterò con me l’eredità morale, perché è stato un uomo di grandi passioni, di forti sentimenti, di assoluta onestà, di immensa bontà, di eccezionale altruismo. Sono tanti gli episodi che mi accomunano a lui, la sua bonaria spontaneità non ne ha mai limato il determinato senso civico. E’ stato anche un punto di riferimento per lo Sport dilettantistico di vera espressione della città, una stella polare del Commercio pescarese. Da 26 anni, ogni volta che passavo di fronte al suo negozio, non potevo non fermarmi a salutarlo, ad abbracciarlo, a scambiare opinioni sulla città. E in tutti questi anni, pur quando esprimeva qualche raro momento di delusione o di disincanto verso le prospettive della sua amata Pescara, subito dopo ritrovava la voglia di fare e di lottare per gli ideali a cui non ha mai rinunciato. Senza di lui Pescara non sarà più la stessa, se ne va con lui un pezzo di storia della nostra comunità. Io perdo un amico vero, sempre disponibile, presente, prodigo di consigli. Caro Aldo rimarrai sempre nel mio cuore e di tutti coloro che ti hanno conosciuto. A Pescara, quando si pronunciava il nome Aldo, si sapeva che si parlava di te, dell'amico Aldo, di Aldo Marino. Un abbraccio forte a Luciana, Cristiana e Giovanni>.  

Pescara. 13 aprile 2020                                                                                                        Il Sindaco   Carlo Masci 

Adriatica Risorse, fatta la governance.

on .

Domenico Di Michele il primo amministratore unico

 

Nel pomeriggio di oggi si è costituta Adriatica Risorse Spa e la prima seduta dell’Assemblea che ha nominato amministratore unico Domenico Di Michelee quali componenti del collegio sindacale Francesco Verini, presidente eCinzia De Santis e Michele Di Bartolomeo. Sono stati inoltre nominati sindaci supplenti Giovanni Perna e Ligia Di Giulio. E’ stato anche nominato il revisore legale, Donatello Sciubba. Questo l’organigramma della nuova società interamente partecipata dal Comune di Pescara, affidataria in house della riscossione volontaria e coattiva dell’intero ciclo delle entrate.

 

“A tutti va il mio più sincero buon lavoro, perché il nuovo soggetto rappresenta un’innovazione strategica per il Comune – così il sindaco Marco Alessandrini- soprattutto nel nuovo quadro di finanziamento degli Enti Locali che sempre più devono autofinanziarsi, rendendo quindi indispensabile la realizzazione di un processo efficiente di tutte le fasi della raccolta e della coazione del ciclo dei tributi. La società permetterà anche di contrastare efficacemente l’evasione fiscale, perseguendo anche l’obiettivo perequativo di giustizia sociale e rendendo possibile la messa a regime, in futuro, della riduzione del carico fiscale dei cittadini.

Con queste nomine si conclude l’azione di governo di questa Amministrazione finalizzata al risanamento ed efficientamento amministrativo, iniziata quattro anni fa con l’approvazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, andata avanti con la completa digitalizzazione di tutti i processi amministrativi, iniziata tre anni fa e giunta in questi giorni ai collaudi delle procedure informatiche.

Dopo aver operato un’efficace revisione della spesa, aver fatto fronte all’ingente massa debitoria trovata al nostro insediamento, si è completato oggi l’ultimo tassello che permette al Comune di disporre in modo più sicuro, efficace e giusto delle risorse di cui abbisogna per dare servizi necessari ai cittadini. 

Con gli adempimenti di oggi si è ufficialmente insediata la governance che a stretto giro assumerà le prime decisioni”. 

 

La “Bandiera verde” assegnata alla città di Pescara

on .

La “Bandiera verde” di cui la spiaggia di Pescara può fregiarsi è il riconoscimento autorevole alla qualità dell’offerta turistica, ma per l’Amministrazione Comunale rappresenta anche il viatico alla conquista dell’ambìta “Bandiera blu”, che rappresenta uno dei punti di impegno del sindaco  Carlo Masci .
Sono stati i medici pediatri a includere Pescara tra le città più meritevoli e più attente alle esigenze dei bambini, fornendo spiagge e servizi all’altezza delle aspettative degli ospiti più piccoli e delle loro famiglie.
L’indagine è stata condotta dagli specialisti che hanno tenuto ben presenti alcuni requisiti: acqua limpida e bassa vicino alla riva, sabbia utilizzabile dai bambini per costruire torri e castelli, bagnini e scialuppe di salvataggio a tutela della sicurezza, giochi e spazi ricreativi, spazi per cambiare il pannolino o allattare i più piccini, prossimità di parchi, gelaterie, strutture sportive, locali per l’aperitivo e ristoranti per i più grandi. E, naturalmente, anche la qualità complessiva delle acque di balneazione. La consegna delle bandiere avverrà durante una cerimonia in calendario il 27 giugno ad Alba Adriatica.
«La “Bandiera verde” – così il sindaco  Carlo Masci
– è una conferma della validità della via intrapresa da questa amministrazione. È notorio che tra i punti principali del
programma di governo c’è quello di avere il riconoscimento della “Bandiera blu” che dovrà coronare i nostri sforzi per restituire ai pescaresi e ai turisti il mare dei tempi migliori, quello pulito e trasparente. Stiamo moltiplicando l’impegno per il risanamento, la cura e la conservazione di uno degli elementi più caratteristici della
nostra città. Una sfida da vincere per tornare a essere attrattivi e competitivi anche sul mercato delle vacanze, ma soprattutto per avere una Pescara più bella e in cui è bello vivere».

 

FONTE BOREA - Una città civile non compie simili scempi.

on .

Verso la fine della scorsa consiliatura, durante i lavori del Comune di Pescara per il rifacimento di strada del Palazzo e di alcune strade limitrofe, su indicazione dei sottoscritti, vennero condotti i lavori con grande attenzione per individuare la Fonte Borea, una fontana sicuramente di origine medievale,  assolutamente importante per una città con poche tracce della memoria. Ma soprattutto  una fontana utile anche alla ricostruzione della dinamica insediativa del versante della zona collinare di Pescara orientato verso  il mare.Durante i lavori, come si può notare dalle tre  foto, la fontana venne individuata e ripulita. Si attendeva solo un piccolo intervento di manutenzione e di delimitazione. La risposta, invece, la possiamo notare nella foto di qualche giorno fa, in cui  la Fonte  appare ricoperta da vegetazione, certamente delimitata da una rete metallica, ma invisibile e ricollocata in una vergognosa condizione di abbandono e certamente verso la definitiva distruzione. Non si finisce mai di affermare con forza come questa sia una città senza passione per il proprio passato. E questa è l'ennesima riprova. Chiediamo all'Amministrazione Comunale e alla Soprintendenza Mibact di adoperarsi per il recupero della Fonte, individuando anche gli scellerati autori di questi scempio!

Licio Di Biase - Coordinatore Comitato Pescaratutela/selfie

Giulio De Collibus - Presidente Archeoclub di Pescare e Vicepresidente Nazionale Archeoclub d'Italia