CULTURA

ACCENDIAMO IL MEDIOEVO - Festival errante tra Borghi, eremi, torri e campanili

on .

 

ACCENDIAMO IL MEDIOEVO                                                                        

Negli ultimi anni si sta facendo un gran parlare del Patrimonio Culturale dell’Abruzzo: borghi, eremi, torri e campanili. Un patrimonio che affonda le radici nel medioevo. Un’epoca infinita, sottovalutata e su cui Umberto Eco pose molta della sua attenzione sottolineando che il nostro medioevo è grande perché, contrariamente alle testimonianze romane e archeologiche in generale,  è vissuto. Ci sono molte chiese in cui si celebrano ancora le funzioni religiose come, tanto per citarne un paio delle nostre parti, Santa Maria Arabona a Manoppello e S. Tommaso a Caramanico. Il grave è che questo immenso Patrimonio, risorsa infinita, non è fruibile, se non in minima parte. L’apertura e quindi la fruibilità delle strutture sono molte volte affidate a volontari, per lo più anziani, che si prodigano in una funzione su cui una Regione attenta e dinamica dovrebbe investire. E qui entrano in ballo la Regione, le varie Soprintendenze, le Curie, i Comuni e tanti privati proprietari di immobili di grande valenza storico- architettonica e artistica.Per parlare di questi aspetti e per far toccare con mano questo Patrimonio, abbiamo  immaginato e organizzato un Festival “errante” con spettacoli, con presentazioni di libri, con tanto folklore genuinamente abruzzese, con tante testimonianze, ma senza rievocazioni a volte eccessivamente pacchiane e che nulla hanno a che fare col Medioevo abruzzese.

PROGRAMMA (CONTINUA)

 

IL PENNE FESTIVAL ASSEGNA A LICIO DI BIASE IL PREMIO SPECIALE ALLA CULTURA.

on .

IL PENNE FESTIVAL  ASSEGNA A LICIO DI BIASE IL PREMIO SPECIALE ALLA CULTURA.

"Il Presidente dei Teatranti d'Abruzzo, Vittorina Castellano mi ha comunicato che la giuria del Concorso Letterario "Penne Festival" mi ha concesso il Premio speciale alla Cultura.
La premiazione avrà luogo sabato 4 maggio, 2019, alle ore 16.00 presso l’Auditorium San Giovanni Evangelista di Penne (PE). UN GRAZIE DI CUORE ALLA GIURIA CHE MI HA VOLUTO ATTRIBUIRE QUESTO RICONOSCIMENTO" (Licio Di Biase)