CULTURA

Eccezionale serata dal Terrazzo Flaiano dell' Aurum, dedicata a "D' Annunzio e Pescara"

on .

 

Sabato 18 luglio una serata ricca di fascino nell' ambito del Solstizio/Equinozio Aurum Festival

 

Indimenticabile serata quella di sabato 18 luglio. Per la prima volta, all'interno dell'Aurum, è stato utilizzato il Terrazzo Flaiano per un evento. Uno spazio grande, che sovrasta da un lato Piazzale Michelucci e dall'altro la Pineta d'Avalos, su Via Palizzi. Ma ancora più indimenticabile l'evento. Tutto dedicato a "Pescara e d'Annunzio" con letture di Giulia Basel, Daniela D'Alimonte, Sara Iannetti, Rossella Micolitti e Massimo Vellaccio. Sono stati letti brani tratti dalla "Vergine Orsola", dal "Notturno", dalla "Guerra del Ponte". E poi sonetti e quartine gogliardiche scritti dal Vate in dialetto pescarese.  Si è in seguito parlato dall'idea di realizzare il Museo delle Auto d'epoca, in un territorio di cui si ricorda la Coppa Acerbo, poi Circuito di Pescara ed in cui vi sono collezionisti ricchi di un grande patrimonio. Ha chiuso la serata l'esibizione di Jonathan Tabacchiera, bravo e giovane ballerino, con un lavoro tratto dal "Martirio di San Sebastian" di Gabriele d'Annunzio. Un'esperienza da ripetere.

 

                                                     

         

"Solstizio/Equinozio Aurum Festival", Mercoledì 1 luglio 2015, ore 21.15 all'Aurum: “TOMMASO CASCELLA PARLA DEI CASCELLA”.

on .

 

                                                                                                                                                                                    

Solstizio/Equinozio Aurum Festival

DAL 21 GIUGNO AL 21 SETTEMBRE 2015

ALL’AURUM DELLA PINETA DI PESCARA

A cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara

Organizzazione: AURUM-la fabbrica delle idee

 

Mercoledì 1 luglio 2015

(Sala-Terrazzo Flaiano, ore 21.15)

 

I PERSONAGGI

 

“TOMMASO CASCELLA

PARLA DEI CASCELLA”

 

Saluti:

Marco Alessandrini

Sindaco del Comune di Pescara

 

Paola Marchegiani

Assessore al Patrimonio Culturale del Comune di Pescara

 

Giovanni Di Iacovo

Assessore alla Cultura del Comune di Pescara

 

 

Intervengono:

Tommaso Cascella

artista

 

Gabriella Albertini

Studiosa

 

Modera:

Licio Di Biase

Responsabile Aurum

 

Nuovo riconoscimento letterario per Licio Di Biase: Targa di Merito Premio Pellicciotta 2015 di Perano. E’ la terza volta di un premio proveniente dalla Provincia di Chieti

on .

 

Venerdi 7 agosto alle ore 18 a  Perano (Ch) il Comitato del 14° Premio Letterario Pellicciotta consegnerà allo storico e saggista Licio Di Biase la Targa di Merito "per la volontà e l' impegno con cui e' riuscito a restituire, attraverso ricerche attente e meticolose negli archivi storici,la vera storia della propria città, Pescara, e a darle quindi il giusto posto nel contesto della storia non solo della Regione Abruzzo ma anche di tutta la Nazione".

Il riconoscimento nazionale Pellicciotta, che ogni anno premia gli scrittori e poeti italiani più rappresentativi, giunge dopo i tre premi e la menzione speciale conferiti a Licio Di Biase negli ultimi anni: settembre 2009 per il Premio Histonium di Vasto, Nomina a Mecenate della Cultura e Premio Speciale per il romanzo Il Processo a Carmela; settembre 2010 Premio Letterario Lamerica di S.Giovanni Teatino (Ch) Sez.  Saggistica con La Grande Storia. Pescara - Castellamare dalle origini al XX secolo; settembre 2011 Premio Speciale Oestrus al Premio Letterario Internazionale Montefiore con il saggio Oh Che Bel Sito; a novembre 2014 Menzione Speciale al Premio Francesco Alziator 2014 di Cagliari per il volume l' Onorevole D' Annunzio recensito da Il Messaggero, Libero, Il Centro, e con interviste al TG2, a Radio Radicale, Sereno Variabile, Linea Blu e TGRAbruzzo. Come si evince, per il lavoro di ricostruzione storica su Pescara, Licio Di Biase ha ricevuto ben tre riconoscimenti nella Provincia di Chieti ma nessuno nella Provincia di Pescara, sempre disattenta davanti alla possibilità di gratificare i propri talenti.

 

 

                                                                                                                                                                        Doriana Roio

 

          

 

 

Sì del Consiglio alla delibera sull’esternalizzazione della gestione del Colonna.

on .

Di Iacovo: “Ora il bando per trovare il soggetto gestore: il museo ne ha bisogno per volare alto”

 

Il Consiglio Comunale odierno ha approvato la delibera sull’esternalizzazione dei servizi di gestione del Museo Vittoria Colonna.

 

“Arriviamo oggi al termine di un’importante operazione culturale che, parte del Documento Unico di Programmazione degli ultimi tre anni, ho diverse volte illustrato nella Commissione Cultura – così l’assessore alla Cultura Giovanni Di Iacovo– Dopo l’approvazione di oggi procederemo al bando che sarà nazionale, per individuare il soggetto gestore, capace far vivere tutto il potenziale del museo e alimentare Pescara e l’Abruzzo della migliore arte moderna e contemporanea.

Il Museo Colonna è l’unica struttura comunale realmente deputata a mostre d’arte di alto profilo, che patisce però da sempre un sottoutilizzo per vari fattori, primo il fatto che non avendo personale con contratto Federculture, cioè flessibile negli orari in modo da renderlo fruibile nei festivi e prefestivi e tutti i pomeriggi. Questo, insieme ad altre criticità strutturali contribuiscono a frenare il potenziale della struttura: abbiamo un bar attrezzato con tanto di ampia terrazza sul mare ma non possiamo utilizzarlo (il personale comunale non puo fare caffé); abbiamo una sala book shop dove si potrebbero vendere gadget, libri e quant’altro, ma non possiamo farlo per la medesima ragione. A fronte di una ricognizione che ho fatto fare sulla vocazione di ogni spazio culturale cittadino, mentre in questi quasi cinque anni tutte le altre strutture hanno vissuto un significativo balzo in avanti per numero e qualità delle iniziative e partecipazione alle stesse, il Colonna, invece, è risultato “incatenato” ai vincoli e alle debolezze citate. 

Per questo abbiamo programmato un percorso di esternalizzazione del museo che dopo l’approvazione di oggi prevede la pubblicazione di un bando aperto a tutte le energie e i soggetti che vorranno far finalmente dispiegare le ali a questa splendida struttura. Per scegliere questa strada abbiamo commissionato uno studio molto approfondito e molto dettagliato all’Università D’Annunzio, condotto da docenti che si occupano di Beni e progetti Culturali, che potesse indicarci il modo per mettere a frutto la struttura, conveniente per l’Ente e capace di darle pieno rilancio in tutti i suoi aspetti. Il bando sarà costruito scrupolosamente sulla base di questo denso e lungo lavoro fatto da docenti e professionisti dei beni e dell’economia culturale che è a disposizione di chi desidera vederlo, sebbene anch’esso sia stato puntualmente presentato in Commissione Cultura . 

Abbiamo scelto una strada coraggiosa, per dare al museo Colonna le migliori possibilità, aprendoci a progetti che possano arrivare anche da fuori, perché il museo Colonna è un vero e proprio contenitore, con una storia libera da fronti identitari e per questa sua speciale natura necessita non solo di una gestione, ma anche una grande e robusta direzione artistica e scientifica di arte moderna e contemporanea, con idee versatili e collegamenti con tutte le strutture museali di questo tipo in Italia”.

 

Pescara,  19 luglio 2018