REGIONE

Il destino delle piscine Le Naiadi: la struttura è chiusa da ottobre

on .

Lavoratori e rappresentanti sindacali ricevuti oggi in Comune
Il sindaco Masci: <Entro questa settimana la Regione dovrà darci delle risposte>

 

<Sul destino immediato delle piscine Le Naiadi siamo stati e restiamo vigili. Entro questa settimana la Regione, così come si è impegnato a fare il presidente Marsilio, dovrà farci sapere come intende muoversi, come proprietaria della struttura, per uscire da questo stato di impasse e consentire quindi  la riapertura di un complesso turistico-sportivo che per la  nostra città ha un valore strategico>.  Incontrando questa mattina in Comune i rappresentanti sindacali e i delegati dei lavoratori delle Naiadi, il sindaco di Pescara Carlo Masci ha usato parole chiare. Alla riunione erano presenti anche il presidente del consiglio comunale Marcello Antonelli, l’assessore allo Sport Patrizia Martelli, Marcella Carletti, della Fisascat Cisl Abruzzo-Molise, e Guido Cupido della Slc Cigil.

<Noi ribadiamo - ha continuato il primo cittadino - di essere pronti a fare la nostra parte qualunque sia la soluzione che la Regione ci comunicherà. Il Comune è pronto ad acquisire la proprietà delle Naiadi e a intavolare una trattativa in questo senso; ma allo tempo lo scopo è quello di superare l’emergenza di dover riaprire in tempi rapidi in vista dell’estate, quindi da parte nostra vi è anche la disponibilità a una gestione a termine che consenta di far ripartire l’attività dell’utenza e tutelare i lavoratori diretti ed esterni. Se poi la Regione dovesse dirci di aver definito e trovato congrua la proposta di project-financing presentata ormai diverso tempo fa, noi saremo comunque soddisfatti perché Le Naiadi le abbiamo nel cuore e sappiamo cosa possono rappresentare per tutta la città. Ma bisogna far presto>.

Il complesso delle Naiadi nel corso dei decenni ha acquisito un ruolo importante sia di natura sociale che sportiva; non meno importanti sono state e sarebbero le ricadute legate alla promozione del territorio e dell’immagine a scopo turistico. Sono 60 attualmente i lavoratori i Cigs, che si portano sulle spalle gli effetti negativi di una gestione provvisoria affidata due anni a un’associazione di imprese e purtroppo finita male.

Per il presidente del Consiglio comunale Marcello Antonelli <è giunto il momento delle scelte ed è chiaro che sarebbe molto grave qualsiasi ulteriore dilazione rispetto alle aspettative che la comunità e gli sportivi rilanciano da ottobre, ossia da quando tutto si è bloccato per l’ennesima volta. Mi auguro davvero che le risposte promesse arrivino>.

<Siamo soddisfatti di quanto ci ha detto oggi il sindaco Masci - hanno dichiarato Marcella Carletti e Guido Cupido – Si è persa una quantità enorme di tempo e la vicinanza dell’amministrazione comunale spero rappresenti la svolta che auspichiamo non solo nell’interesse dei lavoratori, che sono giunti allo stremo delle forze, ma anche della popolazione e dei frequentatori delle Naiadi, un impianto che è il terzo più grande in Europa e che ha scritto la storia di Pescara>.


Pescara, 24 maggio 2021 

La Protezione Civile chiarisca i termini per la presentazione delle domande CAS

on .

La situazione della scadenza per i cittadini del Cratere Sisma Centro Italia per usufruire dei benefici del CAS (contributi per autonoma sistemazione) fissata al 15 gennaio ha bisogno di un chiarimento urgente da parte della Protezione Civile nazionale per evitare che nella situazione di emergenza pandemica si determino code ed assembramenti presso gli uffici comunali preposti nei 22 comuni interessati.     

Come Anci Abruzzo abbiamo fatto un passo in tal senso perché a noi appare chiaro che il termine in questione è di carattere ordinatorio e non perentorio e non determina il decadimento dal diritto di usufruire del contributo per i cittadini che sono fuori dalle loro abitazioni non per loro volontà.

La richiesta è motivata dal permanere e dalla proroga dello stato di emergenza collegato agli eventi sismici del 24 agosto 2016 e successive repliche,  aggravato dall'attuale emergenza collegata all'epidemia da covid-19  che ricordiamo ha visto la nostra regione in zona rossa dal 16 novembre quando la Regione Abruzzo l’ha istituita con l’estensione dovuta al DPCM Natale del Governo che impediva di fatto la presentazione delle domande.

Chiediamo quindi che sia chiarita l'interpretazione dell’ Ordinanza  di Protezione Civile n. 614 del 12.11.2019 prevede che “La dichiarazione di cui al comma 1 deve essere presentata entro il 15 gennaio di ciascun anno” chiarendo il carattere ordinatorio e contestualmente sia fissata una congrua proroga considerato che il grande numero di utenti  che dovrà adempiere a tale obbligo non troverebbero la necessaria assistenza dagli uffici per offrire un supporto alla compilazione della stessa e si determinerebbero situazioni di potenziale rischio di contagi da assembramenti che vanno assolutamente evitati.

 

Il Presidente

Gianguido D’Alberto

 

 

                 

Prima assemblea costitutiva del Contratto di Fiume

on .

Prende forma la valorizzazione e la tutela del Pescara

 

Il Sindaco Carlo Masci ha convocato e tenuto in questi giorni, in sinergia con i competenti uffici della Regione Abruzzo, la prima Assemblea costitutiva del Contratto di Fiume Pescara, d’intesa con la Provincia e i sindaci dei comuni di Popoli, Bussi sul Tirino, Tocco da Casauria, Torre de' Passeri, Castiglione a Casauria, Turrivalignani, Scafa, Alanno, Bolognano, Manoppello, Rosciano, Chieti, Cepagatti, San Giovanni Teatino e Spoltore, che hanno espresso la loro disponibilità al fine di adottare un nuovo modello di “Manifesto di Avvio del CDF”; il Comune adriatico, nel ruolo di Capofila, perseguirà, con  gli uffici competenti, lo sviluppo amministrativo e tecnico necessario all’inizio della fase operativa.

Il Comune di Pescara pone il Contratto di Fiume tra gli obiettivi principali del DUP (Documento unico di programmazione), favorendone l’implementazione e il coordinamento sul territorio della Val Pescara, quale strumento innovativo programmatico e di negoziazione per la Tutela e la Valorizzazione del Fiume Pescara. Le attività sono coordinate, per conto dell’amministrazione, dagli Architetti Emilia Fino e Ester Zazzero.

Con  il varo del CDF si intende quindi delineareunavisionecondivisaesostenibiledelfuturoeconomico-produttivodelterritorioassociatoalfiume,edefinireal contempouninsiemediazionistrategicheutiliperlasuaconcretaattuazione. Non meno importante, al fianco dei profili legati alla crescita economica del territorio fluviale e alla tutela rispetto al rischio idraulico, è l’aspetto riguardante la salvaguardia ambientale.

 

Per il Comune di Pescara hanno preso parte della Assemblea gli assessori Nicoletta Di Nisio,  Isabella Del Trecco e Mariarita Paoni Saccone.

Pescara, 15 gennaio 2021      

Abruzzesi a Milano in sole 4 ore: dal 20 settembre Frecciarossa arriva anche a Pescara

on .

 

Il nuovo collegamento Frecciarossa Milano/Bari, inizialmente previsto da Trenitalia per il prossimo dicembre, è stato anticipato al 20 settembre e  fermerà a Pescara consentendo d'ora in poi  agli abruzzesi di raggiungere il capoluogo lombardo, con biglietti in vendita a partire da 27 euro,

in poco più di 4 ore e non più nelle 5 ore e 14 minuti del Frecciabianca: uniche soste ad Ancona, Rimini, Bologna Centrale e Reggio Emilia. Così una coppia giornaliera di treni Frecciarossa con ETR500 si aggiunge alle sei coppie di treni Frecciabianca partento da Milano alle 7.50 e raggiungendo  Bari in 6 ore e 30 minuti  con fermate intermedie a Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Rimini, Ancona, Pescara Centrale e Foggia.  

Le tariffe variano a seconda del servizio e promozioni disponibili andando da 37 euro per la Super Economy fino a 105 euro per la Base classe Standard, alle tariffe Premium e Business, e alle 244 euro per il livello Executive tariffa Base.

Il Sottosegretario alla Presidenza, Camillo D'Alessandro, orgoglioso di questo importante obiettivo raggiunto, ha spiegato: "La diretta connessione alla linea dell'Alta Velocità  rappresenta un primo, importante ed innegabile risultato che oggi portiamo a casa. Dopo la mancata impugnativa alla nostra legge regionale e il riconoscimento dell'Aeroporto d'Abruzzo quale aeroporto d'interesse nazionale, stiamo garantendo un futuro e soprattutto lo sviluppo del nostro scalo. Il ministro Delrio e i vertici del Gruppo Fs hanno dimostrato di aver a cuore le ragioni del nostro territorio. Queste sono sole le basi di partenza di una visione politico-programmatica che nel futuro consentirà di raggiungere ulteriori traguardi».

 

 

                                                                                                                          Doriana Roio