ULTIMISSIME

Pescara. Sgombero palazzi Ater: contributo di autonoma sistemazione

on .

Sono state notificate al Comune di Pescara le schede AeDES con cui i tre palazzi di via Lago di Borgiano, destinatari della ordinanza di sgombero notificata ad Ater sono stati riconosciuti inagibili. Questa comunicazione determina la possibilità di accedere al Contributo di Autonoma Sistemazione per l’emergenza determinatasi a seguito dello sgombero delle palazzine ai civici 14, 18 e 22. Procedure e modalità per richiedere i CAS sono state illustrate in conferenza stampa dal sindaco Marco Alessandrini, dal vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Antonio Blasioli, dall’assessore alle Politiche della CasaAntonella Allegrino, dalla consigliera Daniela Santroni che ha seguito l’emergenza tramite Centro di Comunale, erano presenti i tecnici dei settori comunali interessati e i consiglieri Tonino Natarelli, Pierpaolo Zuccarini e Marco Presutti.

“Nessuno verrà rimesso in strada, seguiremo la situazione di tutti, finché ognuno avrà una sistemazione definitiva – così il sindaco Marco Alessandrini - Via Lago di Borgiano resta una grandissima emergenza sociale e abitativa per la città che merita chiarezza e rispetto da parte di tutti. E a tale proposito sono orgoglioso per come sin qui il Comune ha gestito l'emergenza, ha dato risposta a pronta a un bisogno inatteso e grandissimo, assicurando presenza e informazioni quotidiane alle famiglie e le persone interessate. La buona notizia di oggi è che possiamo dare avvio al Contributo di Autonoma Sistemazione, significa che le persone che hanno vissuto questa emergenza e che dovranno rientrare in un alloggio popolare, in attesa della destinazione definitiva potranno recepire un contributo per il pagamento di un affitto. In Giunta ieri sera abbiamo deliberato una variazione di bilancio per 200.000 euro, una cifra che va a coprire il fabbisogno fino alla fine di luglio, ma questo non significa che dal primo agosto saranno in strada, anzi, significa che tutte le cifre anticipate dal Comune sono coperte e soprattutto che stiamo lavorando perché tutti coloro che sono stati coinvolti possano avere una somma per pagare una casa in affitto in attesa di una nuova assegnazione. La possibilità di erogare il Cas deriva dal fatto che è stato riconosciuto un collegamento causale fra lo sciame sismico dell'autunno scorso e i danni subiti dalle palazzine sgomberate. E' un’opportunità importante e concreta. Noi vigileremo affinché i fondi servano all'uso per cui sono destinati e non ad altro. A seconda dell'estensione del nucleo familiare viene previsto un corrispettivo ritoccato in meglio in base alle singole problematicità delle persone che lo compongono (disabilità, salute e numerosità) e ora ci metteremo a disposizione per avviare al più presto le pratiche con chi vuole ricorrere a questo istituto. Lo facciamo di buon grado, perché siamo convinti che la democrazia non sia uno sport da tavolino, bisogna scendere in campo e noi lo stiamo facendo: noi ci occupiamo di trovare un tetto decoroso a quanti da un giorno all'altro un tetto se lo sono visti togliere perché era a rischio la loro vita e la cosa più importante al momento è questa”. “Cerco di dare notizia di tutto quello che conosciamo ad ora, con formale impegno a comunicare quello che progressivamente acquisiamo come informazione utile dalla Protezione civile regionale, che ringrazio nella persona del dirigente Antonio Iovino, per la disponibilità fin qui manifestata. Quella che affrontiamo è una procedura nuova per la città di Pescara, la più grande emergenza abitativa dopo il bombardamento del 43 -illustra il vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Antonio Blasioli. Le schede AeDES redatte dagli “agibilitatori” del Cnr, un gruppo che lavora su incarico della Protezione Civile regionale e che il 14 luglio ha fatto sopralluogo nelle tre palazzine, classificano la classe di rischio dei tre edifici sgomberati con la lettera “E”, c’è da dire che dalla classe B si determina lo sgombero dagli edifici, quindi quella riscontrata è una situazione davvero grave. Con una situazione come quella riscontrata non si poteva aspettare un minuto di più per fare l'ordinanza di sgombero, che è stata la migliore scelta da parte di questa Amministrazione che si è messa in moto senza perdere tempo la notte stessa in cui abbiamo avuto la relazione, redigendo l’ordinanza e comunicandola agli interessati. Il percorso prevede ora che le schede redatte e notificate al Comune dovranno essere recepite dalla Protezione Civile e avverrà entro questa settimana, mentre già in giornata il Comune chiederà la costituzione di un tavolo permanente con la Protezione civile regionale, per affrontare una procedura molto complessa e per questo chiederemo un affiancamento al nostro Centro Operativo Comunale anche di personale della Regione Abruzzo che operi su Pescara con esperienze di Protezione Civile e di emergenze. Chiariamo quindi subito un aspetto. Nessuno di quanti di fatto vivevano negli alloggi, legittimato a chiedere questo contributo, dovrà uscire dagli alberghi in cui è sistemato. Il CAS rende possibile scegliere un’autonoma sistemazione: una casa in affitto come dice l'ordinanza di Protezione Civile n. 408 del 2016 o continuare a stare negli alberghi. In questo caso le strutture verranno convenzionate e, una volta fatto, la Protezione Civile si farà carico anche del ristoro dei costi sostenuti dal Comune fin dalla data della ordinanza del 4 luglio. In attesa della scelta e della sistemazione nessuno uscirà dagli alberghi, chi dice il contrario gioca allarmando una realtà che va rispettata e a cui bisogna parlare con cognizione e chiarezza come stiamo facendo noi dal primo giorno. Il CAS copre i successivi 180 giorni prorogabili di altri 180 fino a copertura dello stato di emergenza legata al terremoto, salvo ulteriori proroghe. E’ necessario che le famiglie ritrovino intimità e tranquillità e questo istituto lo consente e consente agli Enti di risparmiare fondi per affrontare la situazione. Con ogni probabilità questo riconoscimento permetterà all’Ater di affrontare anche i costi di demolizione e ricostruzione ma non voglio travalicare l’autonomia di un ente che è l’Ater e che farà le sue scelte. Stiamo organizzando una sezione dedicata del sito del Comune, i moduli per la richiesta saranno scaricabili dal sito o prelevabili dall'URP e metteremo a disposizione delle persone interessate l'Ufficio di Protezione Civile con il responsabile del servizio Lorenzo Ballone, per l’assistenza e la compilazione delle domande, oltre a numeri dedicati contattabili a orari di ufficio: 085/ 4283604 – 4283869. Le domande sono autocertificazioni e vanno sottoscritte e protocollate e si faranno controlli da parte del Comune per verificarne la veridicità.  Chiudo ringraziando tutte le persone che hanno operato finora stabilendo un filo diretto con tutte le 236 persone di via Lago di Borgiano, la stampa che ci ha consentito di raggiungerli anche in altro modo a cui mi appello perché l’informazione sia sempre circostanziata, veritiera e non cavalchi tentativi di strumentalizzare ciò che non si può strumentalizzare. Voglio ringraziare anche le famiglie per la collaborazione e la maturità con cui hanno collaborato: non è facile andare sotto casa di 84 famiglie di buon mattino ed annunciare che bisogna uscire dal focolare domestico per un pericolo di crollo.  Noi comprendiamo la tragedia grande che stanno affrontando e li ringraziamo per la pazienza, ma tutto questo era necessario e se necessario rafforzeremo il nostro lavoro che è quasi per intero dedicato a questa emergenza”.

“I nostri uffici stanno intanto procedendo alle assegnazioni medio tempore, nell'attesa di riassegnare in via definitiva le abitazioni a chi ne ha diritto – aggiunge l’assessore alle Politiche della Casa Antonella Allegrino - ad oggi sono a disposizione 7 appartamenti ATER; ne sono stati assegnati 4 (2 a Pescara e 2 a Spoltore). Proseguiremo nei prossimi giorni e continueremo le assegnazioni a mano a mano che l'Ater ci fornirà altri alloggi che sta provvedendo a risistemare per finalità provvisorie. Le assegnazioni definitive avverranno con i criteri stabiliti dalla norma. In tutto questo è importante risottolineare il senso di maturità delle famiglie che si trovano in una condizione di preoccupazione e così come non sono stati lasciati soli nei primissimi momenti e giorni dell'emergenza, altrettanto non saranno lasciati sole adesso. Questi scenari aprono un'attività anche molto ampia da parte del Comune rispetto al tema e al problema delle case popolari ed è un'occasione che ci consente di stare a fianco alle famiglie nella maniera migliore possibile. Continuamente ci sono confronti e incontri, si fa in modo che al più presto i vari nuclei possano ritornare ad una vita quanto meno stabile, lavoro e problematiche derivanti da vicissitudini sanitarie comprese”.

“Tutti i 236 occupanti delle palazzine possono ricorrere ai contributi – conclude la consigliera Daniela Santroni – secondo entità che vanno a scalare dai 300 ai 1.300 euro a nucleo familiare a seconda di numerosità e condizioni sanitarie e disabilità.  Mi associo alla dignità e la pazienza con cui i residenti hanno affrontato questa emergenza, con rammarico denoto la poca attenzione da parte della città a questa situazione. Ma la priorità è dare risposte alle persone che non lasceremo sole e con le quali stiamo parlando dal primo momento e durante gli incontri che facciamo nelle strutture dove sono collocati”.

 

Pescara. Sabato 5 agosto concerto gratuito de I Morcheeba all’Arena del Mare

on .

Concerto gratuito dei Morcheeba sabato 5 agosto all’Arena del Mare (Madonnina), un altro importante evento che si somma alla Notte Bianca e agli altri appuntamenti del calendario unico delle manifestazioni per l’estate 2017.

“Portiamo a Pescara una band che ha fatto sognare e ballare milioni di persone – dice l’assessore a Turismo e Grandi EventiGiacomo Cuzzi - Skye Edwards e Ross Godfrey sono i Morcheeba, una band nata nel 1995 che ha pubblicato 8 album e ha venduto oltre i 10 milioni di copie. Li abbiamo voluti per rinnovare l’appuntamento con Pescara Open Day, per l’occasione l’anno scorso, sempre alla Madonnina, c’era Goran Bregović che con la sua orchestra e la sua musica ha portato una ventata di internazionalità che si sposa bene con l’anima aperta e accogliente di Pescara.

Il concerto è uno degli eventi clou di agosto, arriva immediatamente dopo la Notte Bianca dell’Adriatico a cui ci stiamo dedicando con lavoro e grande passione, perché questo evento diventi un format capace di portare gente, divertimento ed economie di scala per tutto l’indotto cittadino e del territorio.

Il concerto di sabato 5 agosto vuole continuare un percorso che sta dando grandi frutti, convincendo sempre di più anche gli operatori turistici ed economici su una formula che riscuote successi e favore perché propone grande qualità dell’offerta e servizi all’avanguardia. In questo modo Pescara non solo ritrova un posto importante nel circuito degli eventi nazionali dove ha già conquistato attenzione e audience, ma innesca riflessi economici che fino ad oggi non aveva ancora provato. Noi ci crediamo, abbiamo un’esperienza rodata dalla nostra parte e invitiamo tutti a rendere grande anche questo nuovo evento che la città propone.

Negli ultimi due decenni i Morcheeba hanno viaggiato per tutto il mondo proponendo musica ballabile, elegante e di livello. Skye ha una delle voci più riconoscibili del pianeta, un tono liscio e senza sforzo che unito alla chitarra psichedelica di Ross è un'esperienza indimenticabile e incredibile!

Li ospitiamo mentre stanno producendo un nuovo album la cui uscita è prevista per il 2018 e sono ora  in tour. Un concerto da non perdere e da vivere intensamente insieme alla città”.

 

Progetto “Libero Tempo”: attività sportive e culturali gratuite per i minori

on .

 

Aiutare i bambini pescaresi, che a causa di condizioni economiche disagiate, non possono più frequentare attività pomeridiane. Associazioni, società e circoli sportivi e culturali del territorio comunale avranno, la possibilità di farlo partecipando al progetto “Libero Tempo”, promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali e approvato dalla Regione nell’ambito del Piano regionale di interventi a favore della famiglia (L.R. n 95/95). L’iniziativa consentirà a 50 minori, compresi nella fascia di età tra i 6 e i 16 anni e appartenenti a nuclei familiari a grave rischio di emarginazione sociale, sia di frequentare gratuitamente attività pomeridiane in modo da poter esprimere le proprie capacità sportive e la creatività sia di socializzare, con altri bambini.

“Associazioni, società e circoli avranno la possibilità di accogliere bambini e ragazzi rispondendo all’avviso pubblico pubblicato sul sito del Comune - spiega l’assessore alle Politiche sociali, Antonella Allegrino - In questo modo potremo ottenere un elenco di soggetti disponibili a recepire l’iniziativa. La quota di frequenza mensile di 45 euro, per svolgere le attività 2 giorni alla settimana, sarà corrisposta dal Comune a partire dal mese di settembre e fino a gennaio 2018. Il contributo sarà versato direttamente all’associazione, società o circolo scelti dalla famiglia sulla base delle inclinazioni, dei desideri e delle attitudini del figlio. Con la pubblicazione dell’avviso è partito un progetto sperimentale che spero possa consolidarsi ed essere rivolto, nei prossimi anni, a un maggior numero di bambini e ragazzi.  Il persistere della crisi economica continua, purtroppo, a far aumentare il numero delle famiglie che si rivolgono ai nostri servizi per chiedere un sostegno poiché non arrivano alla fine del mese. I nuclei familiari che vogliono usufruire dell'opportunità di accedere alle attività pomeridiane gratuite previste dal progetto 'Libero Tempo' possono contattare gli operatori dei Servizi Sociali ai seguenti numeri: 085.4283307- 4283056 - 4283044”.

 

Link per rispondere all’avviso rivolto ad associazioni, società e circoli sportivi e culturali (scadenza 24 luglio)

 

Pescara. Dal 16 luglio "Quartieri sotto le stelle": musica, amicizia e gag fra Nduccio e Goran Kuzmiac

on .

Cominceranno domenica 16 luglio degli spettacoli Pescara Quartieri sotto le stelle, concertini mobili nella città patrocinati dal Comune e con la chitarra e voce di ‘Nduccio e Goran Kuzminac con apertura di Amedeo Giuliani. Cinque gli appuntamenti fino al 20 luglio, a partire da domenica 16 luglio in via Mazzarino, seguiranno: lunedì 17 via Lago di Capestrano, martedì 18 via Carlo Alberto Dalla Chiesa, mercoledì 19 Largo Madonna dei Sette Dolori e gran finale giovedì 29 a San Donato, piazza Monsignor Italo Febo. Gli spettacoli iniziano alle ore 21,30. Oggi l'allegra conferenza di presentazione con l’assessore Giacomo Cuzzi e i due artisti e amici ‘Nduccio e Goran Kuzminac.

“Questi cinque appuntamenti si aggiungono a un calendario molto importante per gli eventi della città – dice l'assessore Giacomo Cuzzi – Sono date speciali perché non lasciano scoperta dall'animazione stiva della città la periferia, luoghi non più in ombra per noi che abbiamo dall'inizio investito perché il baricentro fosse più esteso e integrato nel contesto urbano. Da qualche anno dovevamo coronare questo progetto, finalmente si parte e abbiamo immaginato cinque serate da domenica 16 in cinque piazze della periferia cittadina. Andremo a portare musica, allegria e qualità nelle zone che da sempre sono state lasciate fuori dal centro e questo è un dato molto significativo per l'Amministrazione, che sulla periferia investirà 18 milioni di euro fra riqualificazione, start up e progetti e anche per chi come me ha coltivato sin nei consigli di quartiere l'interesse e la necessità di dare voce e far contare tutta la città. Domenica 16 si comincia dalla zona stadio che da sabato darà vita a una sorta di Notte Bianca delle attività commerciali, si finisce giovedì 20 con San Donato. Il calendario non chiude qui, in altre zone della città faremo proiezioni di film del Premio Flaiano dai giorni dopo la cerimonia conclusiva. Ci auguriamo che questa formula possa funzionare e diventare una tradizione che restiste negli anni, anche per estendere ad altre zone della città il concetto di centro commerciale naturale animato e inclusivo”.

“Ci conosciamo da anni con Goran grazie a Ivan Graziani – racconta 'Nduccio - Anni fa organizzai un memorial di Ivan a Nepezzano e a un certo momento è arrivato Goran a chiedere se facevo tutte le feste nel circondario! Il nostro cammino è cominciato da lì, abbiamo fatto diverse cose insieme, l'avventura più bella è stata quella del Bagaglino, con Franca Minnucci che recitava d'Annunzio. Goran è un grande artista, un grandissimo battutista e un eccezionale medico, ha fatto mille cose nella vita ed ha scelto di vivere in Abruzzo vent'anni fa. Ci piace l'idea di esibirci nei quartieri periferici, perché lì c'è la nostra gente, quella che ci segue, che ascolta e vuole divertirsi, alla quale dobbiamo qualità e speriamo di assistere ad un fatto insolito, quello che qualcuno dal centro si trasferisca a Rancitelli o dove ci esibiremo per venirci a sentire una sera. Dobbiamo sfatare alcuni luoghi comuni e “comunali”. Lo faremo con un repertorio diverso rispetto a quello del 23 agosto che mi vedrà in allegra competizione con Vincenzo Olivieri “Lui è meglio di me?” (se volete la risposta venite a vederci): io e Goran ci alterneremo in rapida successione, non è uno spettacolo scritto, musica, parole e battute e interazione fra i testi di Goran e la vita popolare. Ci divertiremo”.

“Ho sempre avuto questo problema che mi incontrano, magari riconoscono l'artista famoso ma poi non si va oltre, ecco con 'Nduccio è superato, perché lui conosce tutti e si trova il modo di lavorare insieme – dice Goran Kuzminac prima di prendere la chitarra portata da Nduccio e tirare fuori alcuni dei suoi cavalli di battaglia durante la diretta Facebook – Germano è riuscito a riempire un teatro a Roma con tutti gli abruzzesi della capitale, è una forza ed è bello che mettendo insieme il mio e il suo repertorio cominci questo viaggio nelle periferie. Vivo vicino al mare, conosco da vent'anni questa terra. A volte penso a come sarebbe bello prendere la chitarra e girare di spiaggia in spiaggia fra gente che mi riconosce e non perché sono uno a cui piace di più essere se stesso che abbandonarsi al commerciale come hanno fatto tanti. Morricone una volta mi ha detto che Dio mi ha donato il tocco del musicista e mi ha tolto il cervello a cucchiaiate. Io sono molto tentato a fare un giro nelle spiagge la sera e magari presto lo farò. Ma domenica 16 siamo qui”.