ULTIMISSIME

Punzonatura bici, attivato il servizio alla ciclostazione di Portanuova

on .

Si arricchisce del servizio di punzonatura bici l'attività della ciclostazione di Pescara Portanuova, in piazza Enrico Berlinguer.      

Si inizia sabato mattina, 23 gennaio, dalle 9 alle 12,30.

"Sarà un appuntamento fisso, il primo e il terzo sabato del mese - spiega l'assessore alla Mobilità Luigi Albore Mascia - che abbiamo potuto programmare grazie alla costante collaborazione attivata con Fiab Pescarabici e con Faieta Motors che si è aggiudicata il bando pubblico di gestione della ciclostazione".

Il codice di punzonatura sarà annotato, insieme con i dati del proprietario della bicicletta, in un registro tenuto nella ciclostazione e, in caso di furto e di successivo ritrovamento della bici sarà quindi molto semplice risalire al proprietario.

"E' un piccolo accorgimento di sicurezza che mettiamo a disposizione dei cittadini - sottolinea l'assessore Albore Mascia - invitandoli a non considerarlo un antifurto e quindi a continuare a custodire il mezzo a pedali con tutte le cautele. Ci interessa però rafforzare il clima di sicurezza che, insieme a tante altre iniziative, vogliamo creare intorno alla ciclabilità e alla mobilità dolce in genere".

Per accedere al servizio di punzonatura i cittadini dovranno semplicemente portare oltre al mezzo, carta di identità e codice fiscale, meglio se in copia. Non c'è bisogno di prenotazione e l'operazione sarà effettuata tenendo conto dell'ordine d'arrivo. L'intera procedura sarà gestita nel totale rispetto della normativa anti-Covid.

 

Pescara 21 gennaio 2021      

A Borgo Marino Sud un centro di aggregazione per la terza età

on .

Sono iniziati i lavori per la realizzazione di un centro sociale per anziani a Borgo Marino Sud. Si tratta di un progetto, finanziato con fondi del Bando delle Periferie, che punta, in prospettiva, a promuovere la socialità in un quartiere prettamente residenziale, che non ha disponibilità di grandi spazi di aggregazione. Un edificio di servizio, dunque, collocato all'interno di un lotto di terreno di circa 400 metri quadri, all'angolo tra via Thaon de Revel e via Pigafetta, oggi utilizzato come area di sosta. Lo stabile occuperà indicativamente 180 metri quadri.       

"Sono due gli aspetti che qualificano questo progetto - sottolinea l'assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Albore Mascia - la sua funzione sociale e la grande flessibilità. Si tratta infatti di una struttura che, nel corso del tempo, potrà facilmente essere adeguata con il mutare delle esigenze".

L'idea è quella di avviare un processo di sperimentazione che utilizzi un sistema costruttivo innovativo, realizzato con struttura portante in legno e caratterizzato da elevate prestazioni meccaniche, basso consumo energetico, ottimi livelli di sicurezza al fuoco e al sisma, comfort acustico, durabilità nel tempo e costi analoghi a quelli dell’edilizia tradizionale.

Il fabbricato sarà realizzato con pareti modulari di legno su un basamento in cemento armato rialzato dal piano stradale, composto da due volumi a pianta rettangolare connessi da un elemento di disimpegno, con una superficie lorda pari a circa 115 mq., ed un pergolato ligneo sul lato sud del fabbricato con funzione di schermo solare, con superficie di circa 34 mq.

All'interno sale ricreative e di lettura, punto ristoro con disponibilità di cibi non cucinati e servizi: tutto accessibile anche a persone con diminuite capacità motorie.

I lavori hanno un costo complessivo di 280.000 euro finanziato per la quasi totalità con fondi statali.

"Sarà un modo per qualificare una zona residenziale che custodisce le radici della nostra città - conclude l'assessore Albore Mascia - favorendo in prospettiva le possibilità di incontro all'interno di una struttura fruibile,  di facile accesso e realizzata con principi di avanzata ecocompatibilità. Questo centro sociale è un messaggio positivo e di speranza che vogliamo offrire a tutta la città in un momento particolarmente complesso".

L'impatto del cantiere con la viabilità dovrebbe essere abbastanza modesto, in ogni caso è stato disposto il divieto di transito sosta e fermata sull'area interessata.  I lavori dovrebbero concludersi entro il mese di giugno.

 

Pescara, 20 gennaio 2021      

Iniziati i lavori di svuotamento della vasca di colmata

on .

Masci: <Le nostre insistenze ci permettono ora di eliminare quella collina di fanghi che offende il decoro del porto e della città>      

 

È proprio il caso di dire “finalmente!”. Sono infatti in corso in questi giorni i lavori lungamente attesi di svuotamento della vasca di colmata all’imboccatura del Porto Canale di Pescara, una delle principali emergenze che l’amministrazione guidata dal sindaco Carlo Masci si era impegnata ad affrontare e a risolvere.
<Il Provveditorato alle OO.PP. - ha dichiarato Masci - nei giorni scorsi ha iniziato lo svuotamento della vasca di colmata che porterà all'eliminazione di quella collina di fanghi, all'ingresso del Porto, che dal 2014 mortifica la skyline di Pescara. Per raggiungere l'obiettivo, che in una Nazione normale doveva avvenire in tempi brevissimi, abbiamo dovuto alzare la voce, confrontarci duramente con i vertici di quell'Ente e attendere quasi 7 anni, ma tutto è bene quel che finisce bene. Questo è un evento per noi e per tutti i pescaresi>!

La storia della vasca di colmata è passata attraverso anni di ritardi, omissioni ed errori amministrativi. I materiali depositati in quel sito, circa duecentomila metri cubi,  sono il frutto indesiderato delle operazioni di dragaggio eseguite nel tempo; avrebbero dovuto essere portati altrove dalla società che aveva effettuato i lavori, ma a partire dal 2015 la stessa impresa dichiarò di avere problemi nel reperire un sito idoneo allo stoccaggio e, con la prassi delle proroghe, è sempre intervenuta una dilazione dell’intervento. Fino a quando, addirittura, e arriviamo al 2016, l’impresa è fallita. Quella collina da quel momento è stata la “cartolina” di una “ferita” difficile da sopportare, avrebbe infatti dovuto essere il Provveditorato delle Opere Pubbliche ad occuparsi di rimuoverla. Soltanto nel 2019 è stato però superato l’ostacolo più difficile, rappresentato dalla caratterizzazione di quei fanghi, passaggio fondamentale per dare seguito ai lavori. Come se non bastasse, ancora lo stesso Provveditorato avrebbe dovuto eseguire lo svuotamento della vasca entro il 31 dicembre del 2019, ma fu costretto ad annullare la gara per alcuni vizi tecnico-amministrativi. Una situazione che ha ulteriormente bloccato il porto di Pescara, che da anni soffre una crisi profonda delle attività economiche, messe in ginocchio dal problema dell’insabbiamento che non può essere affrontato proprio a causa delle situazione della vasca di colmata.

<Sono convinto che questo intervento da un milione di euro ci rilanci – ha continuato Masci – anche in vista delle infrastrutture che realizzeremo a servizio del Nuovo Porto. Pescara cambierà volto!>. Il completamento dell’attività sulla vasca di colmata, una volta separate le sabbie idonee al ripascimento sommerso da quelle da trasferire in discarica, è previsto in un lasso di tempo compreso tra i 60 e i 90 giorni. Si tratta - come si scriveva - di un appalto di fondamentale importanza anche per dar seguito alle opere infrastrutturali del primo stralcio relative allo scalo marittimo pescarese, previste nel complessivo progetto complessivo da 60 milioni di euro. Opere che di fatto renderanno il bacino in grado di rilanciare le attività della pesca, mercantili e turistiche. 

Pescara, 19 gennaio 2021  

                    

Partono i test anti-Covid negli uffici pubblici

on .

Lo screening di massa continuerà alla stazione di Portanuova        

 

La prevenzione anti-Covid si sposta anche negli uffici pubblici.
Nei prossimi giorni scatteranno infatti i test antigenici presso la Questura di Pescara; a seguire, il piano della Asl toccherà le altre sedi pubbliche. L’esecuzione dei tamponi prosegue inoltre nelle scuole superiori cittadine.

Da domani lo screening di massa sarà quindi circoscritto presso la postazione allestita nei locali della stazione ferroviaria di Pescara Portanuova, secondo i seguenti orari: 14:30/18:30.     

 

Pescara, 18 gennaio 2021