ULTIMISSIME

Prorogata fino al 28 febbraio l’attività didattica a distanza

on .

Interessati gli alunni delle scuole dell’Infanzia,

della Primaria         e delle Secondarie di primo grado, esclusi i bambini degli asili-nido       

 

 

Stop alle lezioni in presenza fino al prossimo 28 febbraio. E’ quanto è scaturito dal tavolo tecnico cui hanno partecipato nel pomeriggio il manager della Asl Vincenzo Ciamponi, la dirigente dell’Ufficio scolastico Maristella Fortunato, i sindaci di Pescara, Carlo Masci, di Spoltore, Luciano Di Lorito, il vicesindaco di Montesilvano Paolo Cilli e il primo cittadino di Città Sant’Angelo Matteo Perazzetti. Il provvedimento formalmente assunto in queste ore proroga fino a fine mese la scadenza temporale del provvedimento, che aveva già riguardato le attività scolastiche da lunedì 8 febbraio scorso fino alla giornata di domani. La Didattica a distanza interesserà dunque la scuola dell’Infanzia, la scuola Primaria  e le secondarie di Primo Grado; esclusi gli Asili-Nido, in quanto, a detta dei responsabili medici della Asl presenti questa sera, in quella fascia d’età gli effetti del Covid sono marginali.

<La situazione che ci è stata illustrata dai medici  è delicatissima – ha detto il sindaco di Pescara Carlo Masci – perché la variante inglese del Covid ci sta colpendo in maniera importante e il mondo della scuola può rappresentare un veicolo importante di espansione sia in entrata che in uscita, nel senso che i bambini possono inconsapevolmente contagiare familiari e anziani o, al contrario, portare il virus a scuola. Dobbiamo provare a fermare la pandemia e questo è il modo di farlo. Ci allineiamo quindi alla “zona rossa” regionale, perché la Asl ci ha chiesto espressamente questa misura, confermando quindi che la decisione assunta prudenzialmente dal Comune di Pescara dieci giorni fa fosse quella giusta, anticipatoria delle indicazioni che oggi ci sono state trasferite. Tanto è vero che i colleghi di Montesilvano, Spoltore e Città Sant’Angelo assumeranno da stasera, a loro volta, analoghi provvedimenti>.

 

Pescara, 15 febbraio 2021    

Via libera alla modifica del Regolamento di Polizia Municipale

on .

“Daspo urbano” e sanzioni a tutela del decoro e per la sicurezza       

Approvato in Commissione Sicurezza e Mobilità il testo della delibera che introduce la modifica del Regolamento di Polizia municipale ai fini della corretta applicazione, sotto il profilo giuridico e amministrativo, del cosiddetto “Daspo Urbano” misura introdotta per la prima volta nel 2017 dal governo centrale e i cui ambiti di applicazione sono stati ulteriormente sviluppati e definiti in primis nel successivo  “Decreto Immigrazione e Sicurezza” e, quindi, con le modifiche introdotte dalla legge 173/2000 che ha adeguato la norma ai cambiamenti determinati dall’emergenza sanitaria in atto.

Il “Daspo urbano”, in termini simili ma non coincidenti con l’analoga fattispecie che riguarda le manifestazioni sportive, prevede che i sindaci  - in collaborazione con i prefetti – possano sanzionare e stabilire il divieto di accesso ad alcune zone del territorio comunale interessato per quegli individui che assumano condotte che di fatto limitino l’accesso a infrastrutture di trasporto e di pubblico interesse (strade, ferrovie e aeroporto, siti culturali e turistici) o offendano con il loro comportamento il pubblico decoro.

Nel caso della città di Pescara, e di questo si è discusso questa mattina durante i lavori della commissione presieduta da Armando Foschi, verrà portato al vaglio del Consiglio Comunale un provvedimento nel quale è stato oltretutto recepito quando indicato dalla legge 48/2017 che assegna appunto alle amministrazioni locali - in ossequio al principio di prossimità - il compito di individuare quelle aree (ove insistano presidi sanitari, scuole, siti di interesse culturale e storico, o comunque caratterizzati da flussi turistici) che necessitino in particolare di tutela e di salvaguardia dei livelli di sicurezza); allegato al provvedimento, che giungerà all’attenzione dell’assemblea civica, vi è già infatti un elenco di vie e piazze.

Il Regolamento di Polizia Municipale sarà quindi integrato e modificato con l’introduzione dell’art. 7-bis, recante appunto l’allegato con l’individuazione di quelle aree dove gli agenti potranno applicare - come scritto - quanto disposto dalla legge 48/2017 all’art. 9, cioè misure sanzionatorie nonché il provvedimento “dell’allontanamento”.

<Una delibera, questa, che, una volta approvata in Consiglio Comunale, permetterà evidentemente di applicare quanto consentito dalle norme nazionali nell’interesse della città di Pescara, in una fase complessa che deve vederci molto vigili e non solo per via dell’emergenza sanitaria - ha commentato il sindaco Carlo Masci -  Gli operatori di Polizia Municipale coordinati dal comandante Danilo Palestini avranno dallo loro gli strumenti necessari affinché, questo è il mio auspicio, decoro e  sicurezza della città di Pescara segnino un deciso salto di qualità>.

 

Pescara, 15 febbraio 2021      

utovelox in via di Sotto, termina la fase di pre-esercizio Pronti per entrare a regime

on .

Terminata la fase di pre-esercizio entreranno a regime gli autovelox installati in via di Sotto, a controllo della zona 30 nei pressi della scuola elementare Virgilio.

Proprio in questi giorni è stata completata l'installazione della segnaletica verticale che avverte della presenza di dispositivi di controllo della velocità: "Abbiamo voluto caratterizzare questo intervento sulla viabilità con un più alto livello di informazione - sottolinea l'assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia - abbiamo infatti deciso di implementare il numero dei cartelli di avviso in modo da consentire agli automobilisti di rispettare il limite di velocità. Un limite di velocità che, d'altra parte,  è già presente da oltre cinque anni, proprio a causa dell'alta incidentalità che è sempre  stata riscontrata su quel tratto di strada. Da tempo la Polizia municipale ha evidenziato le criticità di via di Sotto, con dati che sono oggettivi e indiscutibili. Una spinta ulteriore è arrivata da incidenti, purtroppo molto gravi, che si sono verificati anche di recente".

D'altra parte sono stati gli stessi cittadini, non solo i residenti, a chiedere più volte che lungo via di Sotto e in particolare nella porzione di strada più vicina alla scuola, venissero collocati dispositivi che favorissero una diminuzione della velocità delle autovetture.

"Vogliamo garantire la sicurezza di chi percorre un'importante via di collegamento della zona dei Colli - afferma l'assessore Albore Mascia - I cittadini verranno sempre informati tempestivamente: il nostro è un invito a prestare attenzione, innanzitutto, e di conseguenza a rispettare le regole".

 

Pescara, 13 febbraio 2021

 

Dopo il vile atto vandalico in Piazza Martiri dalmati e giuliani

on .

Deposta una nuova corona di alloro in onore dei martiri delle foibe

 

Un sentimento di forte partecipazione, ma anche di rifiuto verso ogni comportamento che perpetua odio e intolleranza, ha accompagnato nel pomeriggio la breve cerimonia nel corso della quale, in Piazza Martiri dalmati e giuliani, alla presenza del Prefetto Giancarlo Di Vincenzo, del sindaco Carlo Masci, del presidente Marcello Antonelli, della vicepresidente dell’Associazione Venezia Giulia e Dalmazia, Donatella Bracali, e di rappresentanti delle autorità civili e militari, è stata deposta, e benedetta da Don Rocco Mincone, una nuova corona di alloro al monumento che ricorda le vittime delle foibe, in sostituzione di quella distrutta solo poche ore prima da mani ignote. Un’azione riprovevole e inaccettabile, secondo le considerazioni dei più, perché oltraggiosa verso la memoria di quanti persero la vita, per mano dei  partigiani comunisti di Tito, e di oltre 300.000 esuli italiani. Soltanto due giorni fa, in occasione del Giorno del Ricordo, si era tenuto in quella piazza uno dei momenti più sentiti, con l’omaggio a quegli uomini e a quelle donne che erano stati strappati alla vita nel modo più disumano. Una sorta di cerimonia-bis, ma dal significato molto profondo.

<Siamo qui di nuovo oggi - ha detto il sindaco Carlo Masci – per riaffermare con forza ancora maggiore la nostra condanna senza attenuanti verso chi  ha compiuto questa vile azione. Noi, infatti, oggi riposizioniamo questa corona che assume un valore ancora più importante, perché simbolo del nostro dissenso rivolto a quanti vogliono continuare a disseminare un furore ideologico fuori dal tempo e dalla storia>.

Per il presidente del Consiglio comunale, Marcello Antonelli <quella odierna rappresenta una risposta ferma a chi crede in questo modo di poter indebolire le istituzioni. Oggi manifestiamo un sentimento di amarezza, ma anche di determinazione che ci deriva dai valori e dalle idee in cui crediamo. Noi ci siamo e ci saremo>. Nel suo breve intervento Donatella Bracali, vice presidente dell’Associazione Venezia Giulia e Dalmazia, ha invitato tutti i presenti <a far sapere, a divulgare in ogni forma possibile quanto sia grave continuare ad alimentare questa cultura contraria all’umanità. Deve essere questa la nostra risposta, solo così continueremo ad onorare migliaia di vittime innocenti>.  

 

Pescara, 12 febbraio 2021